Kawasaki Ninja 650 2020, connettività al potere

Le novità principali si concentrano nell’infotainment, ma interessano anche l’impianto di illuminazione e i pneumatici

8 ottobre 2019 - 17:14

Sarà bene abituarsi in fretta: la tendenza è ormai chiara da anni nel mondo delle auto; a quanto pare quello delle moto ha già iniziato a “imitarlo”, persino quando si tratta di modelli sportivi come la Ninja. In cosa? Nel fatto che la connettività venga prima di tutto il resto. Nello specifico, la Kawasaki Ninja 650 model year 2020 si differenzia dal modello precedente proprio per l’infotainment, più che per altro. Ecco tutti i dettagli, ma prima prezzo – 8.090 euro franco concessionario – e disponibilità: gennaio 2020.

Un’app chiamata Rideology

Leggete quanto riporta testualmente il comunicato Kawasaki: “Per una nuova generazione di motociclisti – che non uscirebbero mai di casa senza il loro smartphone – la possibilità di connettersi alla propria moto è ormai fondamentale”. Giusto? Sbagliato? Non è questo il metro di giudizio da utilizzare: semplicemente, i tempi sono questi e le aziende non possono che andare incontro alle esigenze dei propri clienti, attuali e potenziali. Concretamente, la Ninja 650 2020 si può connettere al proprio smartphone tramite Bluetooth e, mediante l’app Rideology, dà accesso a una serie di funzionalità. Fra le altre, segnaliamo: informazioni sul percorso, segnalazione della scadenza dei tagliandi, invio delle notifiche (telefonate, email e messaggi). Inoltre, il nuovo display TFT a colori da 4,3” passa in automatico da “positivo” a “negativo” grazie al sensore di luminosità.

Motore più “pulito”

Il propulsore rimane il noto bicilindrico in parallelo da 650cc di cilindrata, messo a punto per offrire il meglio di sé ai regimi bassi e medi e rivisto in alcuni dettagli per ridurre le emissioni inquinanti. Altre modifiche “di sostanza” interessano i pneumatici, nello specifico dei Dunlop RoadSport 2, scelti per rendere più agile la moto nei cambi di direzione. Rivista infine anche la sella posteriore, nell’ottica del miglioramento del comfort di chi siede dietro. Quanto alle colorazioni, una rappresenta un omaggio alla Ninja ZX-10RR del Kawasaki Racing Team di Jonathan Rea, fresca vincitrice del quinto titolo mondiale WSBK consecutivo. Le altre due livree sono il nuovo Pearl Flat Stardust White / Metallic Flat Spark Black  ed il classico Metallic Spark Black.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kymco Agility 300i ABS: versatile e potente

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

KSR Group, un mondo a due ruote