Moto Guzzi Nevada 2012

Anche per la piccola cruiser di Mandello arriva il nuovo motore 750 nato con la V7. Migliorano i consumi e l’erogazione

Era inevitabile, l’arrivo del nuovo motore “piccolo” di Casa Guzzi sulla V7 non poteva che lasciar presagire che lo stesso motore finisse anche sulla Nevada. Nonostante il successo commerciale della naked di stampo classico Moto Guzzi non ha mai trascurato la sua piccola cruiser. Il motivo sta in 20 anni di carriera in cui spesso la Nevada è stata la Moto Guzzi più venduta. Una longevità seconda solo a quella della California (che presto sarà pensionata per l’arrivo della nuova 1400) e che rende la Nevada una moto che mantiene ancora oggi i suoi estimatori.Le novità del 2012 vanno quindi ricercate tutte nel motore, il bicilindrico Guzzi ad alimentazione singola, vede crescere la potenza fino a 51 cv, e aumenta anche la coppia a tutti i regimi un motore che, sulla V7, è protagonista di una guida ben più appagante che in passato. Parte termica, cassa filtro, alimentazione a singolo iniettore: molti punti sono stati toccati per ottenere un’erogazione più piena e pronta, a fronte di consumi ed emissioni in diminuzione.Nessuna novità, invece, per il telaio a doppia culla, con elementi inferiori imbullonati e staccabili. Marzocchi firma la forcella con steli da 40 mm con escursione di 130 mm, Sachs invece marchia gli ammortizzatori  regolabili nel precarico molla, che si estendono per 118 mm. Due i dischi freno: l’anteriore flottante da 320 mm e il posteriore da 260 mm. Le ruote a raggi sono di 18″ davanti e 17″ dietro.