MV Agusta Dragster RR my 2018

7 novembre 2017 - 8:11

MV Agusta, dopo l’ingresso societario del fondo di investimento russo Black Ocean, si prepara al 2018 con numerose novità, concentrate nella famiglia delle sportivissime RC. Con una significativa eccezione, cioè la nuova Dragster RR. Modello di sorprendente successo, è stato ampiamente rivisto, sia nel design sia nella dotazione tecnica. 

Irriverente come in passato, la Dragster RR mette in mostra una zona frontale completamente rivista: il gruppo ottico a LED ha un forte impatto sul design, grazie anche all’affascinante guida luce ellittico. Il parafango anteriore ha i supporti laterali in alluminio, ma è nella zona del ponte di comando che si concentra l’innovazione. I semi manubri, infatti, sono regolabili con grande facilità, per offrire a chi guida l’angolazione giusta, in pochi secondi. Ingegnoso e inedito il collegamento tra lo sterzo e l’ammortizzatore regolabile, ideato dal Centro Ricerche Castiglioni.

Il codino è completamente nuovo, a partire dal telaio di supporto. Il gruppo ottico posteriore a LED ne caratterizza l’immagine, attraverso un guida luce appositamente disegnato. Nuovo il portatarga, come gli indicatori di direzione con sorgenti luminose a LED. Le pedane del passeggero presentano un’altra soluzione originale: ruotano per essere estese nella posizione di utilizzo, oppure scompaiono all’interno del codino, valorizzandone l’aspetto molto lineare e scenografico. 

Le novità tecniche sono concentrate nel motore tre cilindri, che come per il resto della gamma sviluppata su questa base è stato aggiornato per ottenere l’omologazione Euro 4. Il lavoro di sviluppo è stato molto esteso, con nuovo contralbero, primaria rivista, valvole riprogettate e molti altri affinamenti, tra cui i collettori di scarico e i silenziatori riprogettati. Cambia anche il punto di ancoraggio del motore al telaio, per migliorare la rigidità flessionale. Infine sono nuovi i coperchi del motore, che attenuano la rumorosità ad alta frequenza, preservando il suono caratteristico del tre cilindri e offrendo allo stesso tempo un’adeguata e superiore protezione in caso di urti o cadute. Affinamenti anche per l’elettronica, con il sistema MVICS ottimizzato nelle logiche d’azione del Ride By Wire e del controllo di trazione. Perfezionato il cambio elettronico EAS 2.0.

Due le colorazioni: grigio lucido accoppiato al grigio opaco e al giallo fluo; bianco perlacea accostato a sezioni in grigio antracite opaco e con inserti in rosso fluorescente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

10 domande (e risposte) su
BMW C 400 GT

Suzuki
Torna la DR BIG?

Honda
Super CBR in arrivo per vincere in SBK