Officina Moto: l’Italia che ci piace

CR&S, Magni, Paton e Zaeta: insieme, in un mix di nostalgia ed esclusività, a Eicma 2013 mostrano il meglio del made in Italy

9 novembre 2013 - 15:11

Che cos’hanno in comune CR&S Duu, Magni Storia, Paton S1 e Zaeta 530 DT? Niente all’apparenza: dai materiali usati alla tipologia di impiego, queste moto sono diversissime tra loro. Tuttavia, se questi quattro marchi ad Eicma 2013 hanno deciso di dar vita insieme a Officina Moto Italia un motivo c’è e non è solo quello di dividere le spese dello stand fieristico. Soprattutto, queste quattro moto hanno tutte fatto dell’esclusività e del fascino made in Italy i loro punti di forza: ecco i loro modelli in mostra:

Cr&S Duu “Ghe n’è minga”


E’ una rivisitazione della Duu (per i non Milanesi il numero “duu” viene subito dopo il “vun”). Il telaio di questa versione speciale, che sarà prodotta in serie limitata a 25 esemplari, è verniciato mentre le restanti parti sono lasciate grezze.
Cambia anche sotto il vestito la Duu: il poderoso bicilindrico ad aste e bilanceri della versione “Ghe n’è minga” cresce fino a 2.200 cc (contro i 1916 della versione standard).

MAGNI Storia
Varesini entrambi: i marchi MV Agusta e Magni sono legati da oltre 60‘anni, prima nella gestione del reparto corse di MV e poi nella produzione di parti speciali. Anche oggi Storia nasce proprio da quel legame e il connubio tra moderno e vintage è davvero ben riuscito. La base è una Brutale, che con circa 8.500 euro si può trasformare in Storia: serbatoio in alluminio, sella in coccodrillo bicolore, scarichi dedicati e cerchi Kineo a raggi con mozzi ricavati dal pieno.

PATON S1
Negli anni ’90 schierava la sua verdona nella classe regina della moto GP, la 500, ma erano altri tempi: due per l’esattezza.

Oggi l’azienda di Settimo Milanese mostra la S1, la sua prima moto stradale che sarà prodotta in serie limitata a partire dal 2014. La linea è retrò ma il motore è moderno: raffreddato a liquido di derivazione Kawasaki ER-6n, è capace di erogare 72 cv di potenza a 8500 giri. La forcella è da 43 mm, mentre al posteriore c’è un Ohlins (doppio come impone lo stile vintage). Il prezzo indicativo della Paton S1 è di 26.000 euro.

ZAETA 530 DT

L’unica moto da Short Track in commercio con omologazione Euro 3 è italiana e si chiama Zaeta DT 530. Limata all’essenziale come nessun’altra ma capace di portare anche il passeggero, la Zaeta DT530 è una moto artigianale mossa da un motore TM 530 cc capace di erogare 50 cv di potenza massima su un peso di appena 115 kg con tutti i liquidi. Telaio, forcellone e piastre di sterzo sono ricavate dal pieno e realizzate a mano. Il prezzo indicativo è di 16.000 euro.

 

 

photo credits: Roberto Bosi

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

10 domande (e risposte) su
BMW C 400 GT

Suzuki
Torna la DR BIG?

Honda
Super CBR in arrivo per vincere in SBK