È un supporto che aiuta i motociclisti a guidare meglio e mira a diventare un punto di riferimento e condivisione: è la nuova Moto App, lanciata da Confindustria ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo, Motociclo e Accessori. Sviluppata dalla milanese B2C Innovation, è la prima in Italia che permette di registrare itinerari, monitorare e condividere con altri appassionati informazioni e tenere sotto controllo la qualità del manto stradale. Come? Attraverso Moto App gli utenti possono fotografare le buche, che saranno geolocalizzate sulla mappa cittadina in modo da avvisare gli altri motociclisti.

Come funziona

Si accede a Moto App dopo averla scaricata gratuitamente da Apple Store e Google Play, quindi ci si iscrive inserendo i dati personali, la targa della moto o dello scooter; successivamente si seleziona l’allestimento della moto e si carica una foto. I veicoli dello stesso motociclista vengono associati a Moto App, che riconosce se i veicoli stessi siano dotati di un dispositivo telematico, suddividendo gli utenti tra Starter, Explorer e Adventure.

#bastabuche: una campagna che si fa in due

In occasione della presentazione di Moto App è stata inaugurata la campagna #bastabuche, che vede l’impegno di testimonial e giornalisti, a cui sarà affidato uno smartphone per fotografare le buche e condividere lo scatto sui profili social con l’hashtag dedicato. Inoltre una sezione specifica dell’app, come detto, geolocalizza le buche sulla mappa delle città, mettendone a conoscenza tutti gli altri utenti. Confindustria ANCMA raccoglierà le segnalazioni e si occuperà di comunicare periodicamente alle istituzioni locali la situazione.