Suzuki GSX250R 2017

Dopo la 125 e la 1000 viste all’Intermot, Suzuki svela la nuova GSX250R 2017, che farà il debutto europeo all’EICMA. Accanto a lei ci sarà anche la V-Strom 250

Paese che vai, novità che trovi. Parafrasando un famoso detto, si potrebbe sintetizzare così quel che sta accadendo con la gamma 2017 di Suzuki. Per non scontentare nessuno, ad Hamamatsu hanno infatti deciso di distribuire equamente le presentazioni delle novità tra le varie eventi in giro per il mondo. Dopo l’infornata di anteprime dell’Intermot di Colonia e in attesa di quelle dell’EICMA, alla Chinese International Motorcycle Trade Exibition (o CIMA che di si voglia) è stata svelata la nuova Suzuki GSX250R 2017, che sarà comunque presente anche alla kermesse milanese.suzuki-gsx250r-16La moto va a rimpolpare le fila del segmento delle sportive d’accesso e lo fa con il tipico family feeling della famiglia GSX-R, che va dalla piccola 125 alla maxi 1000. A caratterizzarla c’è dunque una carenatura filante e snella, assieme a un cupolino grintoso con strumentazione digitale e a un codino che punta deciso verso l’alto. Quest’ultimo ha una luce a Led e la sella del passeggero separata da quella del pilota, che si trova a 780 mm da terra.suzuki-gsx250r-1A spingere la Suzuki GSX250R 2017 è una versione aggiornata del motore delle Inazuma, accreditata di 24,7 cv e 23,5 Nm di coppia ed in regola con la normativa Euro 4. Quanto alla ciclistica, le quote sono compatte ma non troppo, con l’interasse di 1.430 mm. Le ruote da 17 “ sono in lega a 10 razze e l’impianto frenate con su due dischi, quello anteriore da 290 mm e quello posteriore da 240. Sugli esemplari europei l’ABS sarà di serie.Sulla stessa base meccanica di questa moto nel 2017 sarà proposta in Europa anche una nuova piccola crossover, la Suzuki V-Strom 250. Anche lei ha fatto capolino al CIMA e sarà presente all’EICMA e andrà a popolare un nuovo segmento che si annuncia pronto ad esplodere. Sto parlando di quello delle tuttoterreno di piccola cilindrata, nel quale si butteranno sicuramente anche altre Case, come per esempio BMW. In fondo, la formula della moto factotum piace e non serve essere Nostradamus per ipotizzare un suo successo anche nella fascia più bassa del mercato.