Prova Aprilia RS4 125

La sigla è sempre la stessa: RS, ma il 4 parla chiaro. Oggi la 125 Aprilia viaggia in 4 tempi. La musica però non cambia, la Aprilietta resta sempre una delle migliori 125 sportive sul mercato.

LIVE

Si chiama RS, come si è sempre chiamata, ma il 4 fa capire come sotto le plastiche delle carene, oggi identiche a quelle della RSV4, la 125 di Noale sia cambiata completamente. Anche per lei è arrivato il momento di abbandonare il motore a due tempi a favore di un nuovo monocilindrico 4 tempi. Nuovo per davvero perché pur partendo dalla base tecnica della “cugina” Derbi GPR, la Aprilia RS4 ha un motore più evoluto.

Per la prima volta infatti il Piaggio 4 valvole adotta l’iniezione elettronica e numerose evoluzioni che ne migliorano l’erogazione ai bassi e medi regimi, fino a oggi il punto debole di questo motore. Rispetto alla vecchia RS a due tempi anche la ciclistica cambia completamente essendo praticamente in comune con la Derbi. Le raffinatezze non mancano, telaio di alluminio, forcella da 41 mm pinza radiale. L’Aprilia RS4 quanto a dotazione non scherza, volendo vi offre persino il quickshifter come optional, una chicca tecnologica che nessuna 125 può vantare sul mercato. Per questo i 4.390 Euro richiesti per portarsela a casa non sono esagerati.

RIDE

In sella si ha l’impressione di guidare una moto più grande perché abitabilità e dimensioni “reggono” anche le stazze oversize dei sedicenni di oggi. La Aprilia RS4 è fatta bene, talmente uguale alla sorella maggiore anche quanto a dimensioni, che rumore a parte a vederla passare ci si potrebbe anche confondere. 15 cv sono quelli che sono, inutile pensare di fare le corse, ma l’erogazione dei nuovi motori 4 tempi riesce comunque a rendere la guida divertente.

Il mono Piaggio è vivace e ama girare alto ma per fortuna gli ultimi interventi lo hanno reso anche più elastico. Se poi, di contorno ci si mette anche una ciclistica moto efficace il divertimento è assicurato. La Aprilia RS4 è velocissima a inserirsi in curva, ha velocità di percorrenza degne di una piccola GP e il bello è che anche quando strapazzata non va mai in crisi anche se le sospensioni sono morbide. I freni, poi, sono nettamente meglio di quelli della Derbi, grazie a pastiglie più performanti non è più necessario farsi venire la tendinite per frenare in modo efficace. Resistere alle insistenze dei figli sarà molto difficile, anche perché la Aprilia RS4 piace anche ai papà.