La continua crescita del mobile gaming

Il mobile gaming contunua a crescere ecco come è cambiato il modo di giocare on line. Da materia riservata ai nerd a successo planetario

20 dicembre 2019 - 12:54

La storia dei videogiochi è sempre stata costellata da alti e bassi. Dagli esperimenti condotti durante gli anni ’50 fino alla crescita esponenziale che si è conclusa con il crack del 1983, per poi riprendere la marcia verso la conquista di milioni di persone tra la fine degli anni ’80 e gli anni ’90-2000 con l’avvento delle console che tutti conosciamo.

COSA È CAMBIATO

Da allora molto è cambiato, ed anche la concezione stessa dei videogiochi è cambiata: da qualcosa per nerd ad un fenomeno mondiale con un giro di incassi miliardario. Cosa ha portato a questo cambio di paradigma? Sicuramente il diffondersi di internet, di giochi alla portata di tutto, al legame tra games e cinema (e anche fumetti) ma soprattutto grazie allo sviluppo della tecnologia, tra cui gli smartphone e il mobile gaming.

Difficile trovare qualcuno che non abbia mai provato un flash game sul computer o una partita a Candy Crash proposta da Facebook. Semplicemente non serve più un pc o una console per giocare, ma basta il proprio telefono, un dispositivo che tutti noi ormai abbiamo appresso durante il giorno. E dunque piccoli rompicapi per la pausa pranzo, o GDR complessi per i lunghi viaggi in treno: di certo è possibile trovare giochi per tutti i gusti. Da un recente report, il Global Games Market 2019, è emerso che il valore del mobile gaming è il 45% dell’intero settore mentre tra le app a pagamento disponibili negli store di Google e Apple, 9 su 10 sono giochi.

IMMEDIATEZZA, PRIMA DI TUTTO

Che si possegga un telefono pensato per il gaming o uno smartphone di fascia media, gli utenti sono tutti coinvolti in un sistema di gioco immediato, colorato, semplice e veloce.  L’immediatezza del touch screen e la possibilità di giocare ovunque hanno portato diverse persone ad avvicinarsi al mondo dei videogames, e persino Google ne ha tratto un report per capire comportamenti e intenzioni degli utenti che si approcciano al gaming. A proposito di Google, con il lancio di Stadia – ma anche di Arcade della Apple e di altri servizi simili – il mondo del mobile gaming e quello delle altre piattaforme di gioco sarà sempre più connesso grazie allo streaming. Il cross-platform infatti sarà sempre più frequente ed invece di scaricare giochi o comprare supporti fisici per i giochi avremo la possibilità di connetterci online e giocare in streaming. L’esperienza di gioco sarà migliorata poi dalle nuove tecnologie: sia a livello di connessione (fibra e 5G) sia di dispositivi. Nel frattempo per evitare perdita di dati e migliorare la connessione possiamo usare una virtual private network. Come funziona una VPN? Creando un collegamento sicuro e virtuale tra il dispositivo e il server internet che lancia il segnale, così da proteggere i dati e stabilizzare la connessione, diminuendo anche il tempo di latenza e migliorando l’esperienza di gioco.

Cosa possiamo aspettarci dal mondo dei videogiochi? Sicuramente il mobile gaming continuerà a crescere e tutto il settore verrà contagiato dalle nuove tecnologie come la realtà aumentata ma anche dal cloud gaming. Insomma, il futuro del gaming sembra molto promettente!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

RIDE 3 – L’enciclopedia virtuale del motociclismo

Fanatec lancia il nuovo kit per la F1 virtuale

DiRT Rally 2.0 – Derapate di nuova generazione