Harley Touring 2017 - 64

Prova Harley-Davidson gamma Touring 2017

Il nuovo motore a quattro valvole per cilindro porta con sé vibrazioni ridotte, comfort termico e prestazioni superiori, rimarcando al contempo la personalità dei modelli in gamma. A giorni nelle concessionarie italiane

Pubblicato lunedì 12 settembre 2016 · da
LIVE RIDE

Seattle (Stati Uniti) – Non c’è nulla di più facile: pensare che le Harley-Davidson siano moto dal contenuto tecnico basilare. Sbagliato. Sbagliatissimo ora che la gamma Touring porta al debutto un nuovo motore, proposto in due cilindrate e tre versioni. Il V2 siglato Milwaukee-Eight segna un momento di profonda discontinuità con il recente passato, e sarà in prospettiva il propulsore dei prossimi 10 anni per la Casa americana, grazie ad alcune scelte tecniche che ne prefigurano (silenziosamente) le future evoluzioni. All’arrivo di questo sorprendente bicilindrico non si accompagnano modifiche di carattere estetico, a dimostrazione, se ancora ce ne fosse bisogno, che lo stile Harley-Davidson è rispettoso della tradizione e dell’heritage radicato nella storia del marchio e tra i clienti.

Harley Touring 2017 - 72

I dettagli sul nuovo motore sono molti, tutti interessanti. In sintesi: la fedeltà all’architettura bicilindrica a V di 45° con disposizione longitudinale si accompagna alla progettazione ex novo di tutti i componenti. Cresce la cilindrata, da 103 a 107 pollici cubi, quindi da 1.690 a 1.745 cc; il motore 110 che equipaggiava le edizioni a tiratura limitata CVO (Custom Vehicle Operations) passa da 110 a 114 pollici cubi, pari a 1.870 cc. Tutto ciò a vantaggio delle prestazioni, con la coppia dichiarata che aumenta fino all’11%. Nuova e del tutto inedita la testa con distribuzione a quattro valvole per cilindro, messe in movimento da bilancieri a loro volta collegati ad aste azionate da un solo albero a camme disposto nel basamento. Cambia tutto dentro le fusioni che ospitano gli organi meccanici: al disegno specifico dell’esterno, che rende subito riconoscibile il motore 107, corrispondono manovellismi riprogettati, con adeguamenti estesi a molte componenti come il perno di biella, ora di maggior diametro; le valvole (aspirazione 39,8 mm e scarico 32 mm) più leggere, le molle e il disegno delle teste. Debutta la doppia candela, con disposizione simmetrica rispetto al centro della camera di combustione, per ottenere un fronte di fiamma più regolare e completo; ciascun cilindro ospita un sensore di battito.

Harley Touring 2017 - 76

Ecco come funziona il raffreddamento, qui a liquido, con le canalizzazioni che lambiscono le valvole di scarico. Si notano anche le due candele per cilindro

Basta così? Niente affatto: arriva un nuovo circuito di raffreddamento, declinato in due versioni, a liquido o a olio. In entrambi i casi sono le valvole di scarico a beneficiare della dissipazione di calore, mentre la scelta di affidarsi a un fluido oppure all’altro dipende dai modelli: Street Glide Special, Road Glide Special, Road King e Road King Classic, oltre al tre ruote Freewheeler, non dispongono dei paragambe e quindi, per non dover installare un radiatore inevitabilmente vistoso, sono equipaggiati con il raffreddamento a olio. Al contrario possono ospitare la superficie radiante, in questo caso divisa in due parti che non generano alcun impatto estetico perché “affogate” nei citati paragambe, gli altri modelli in gamma, ossia Ultra Limited e Ultra Limited Low, Road Glide Ultra e Tri Glide Ultra. Il motore CVO 114 è proposto esclusivamente con raffreddamento a liquido.

Harley Touring 2017 - 77

Lo spaccato della testata del nuovo 107

Nonostante il montaggio elastico del propulsore, in grado di per sé di attenuare le vibrazioni trasmesse a pilota e passeggero, i progettisti hanno deciso di installare un albero controrotante in grado di abbattere le vibrazioni stesse del 75% rispetto al motore 103. Collegato all’albero motore con uno specifico ingranaggio posto nella zona compresa tra i due volani, è montato nella parte anteriore del bicilindrico. Cambio e frizione sono stati rivisti in profondità, con effetti molto netti sulla guida; il sistema di ricarica garantisce l’alimentazione dei servizi elettrici con più efficacia (+50%), anche quando il motore è al minimo, abbassato a soli 850 giri/min rispetto ai 1.000 del 103.

Harley Touring 2017 - 74

Il Milwaukee-Eight 114, raffreddato a liquido e riservato a CVO Limited e CVO Street Glide

Le sospensioni migliorate, con una nuova cartuccia Showa anteriore e la possibilità di regolare il precarico della molla sull’ammortizzatore posteriore sinistro, completano il quadro delle principali novità tecniche.

Articoli correlati

Continua...MY17 Web Photography

Harley-Davidson MY 2017, per Touring e CVO nuovi motori e sospensioni

Più comfort con le nuove sospensioni: è la promessa per Touring e CVO, rinnovate per il 2017.
24 agosto 2016
Continua...MY17 107 Engine. Milwaukee Eight.

Harley-Davidson Milwaukee-Eight, il nuovo V2 americano

Crescono cilindrata e prestazioni, calano vibrazioni e consumi: il bicilindrico americano cambia in profondità, con le quattro...
24 agosto 2016
Continua...HD_Roadster_2016_01

Harley-Davidson Roadster, la Sportster si fa minimal

L'ennesimo capitolo nella storia della Sportster lo scrive una motocicletta agile e potente, spogliata di tutto il superfluo...
19 aprile 2016
Continua...Harley-Davidson®  - Dark Kustom - Reborn in Barcellona 2016

Prova Harley-Davidson Sportster Iron 883 MY16

Probabilmente giunta al punto più alto della sua evoluzione, l'Iron è completa, equilibrata, gratificante da guidare e...
27 agosto 2015