Audi R8 LMX: sguardo laser e 570 cv

La supersportiva tedesca in edizione limitata è la prima vettura di serie dotata di abbaglianti laser. È mossa dal noto V10 5.2 Lamborghini, portato a 570 cv così da scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e toccare i 320 km/h. Il prezzo? Shockante

Quelle vetture lente, perennemente lungo la corsia di sorpasso dell’autostrada… andrebbero incenerite! Detto fatto, Audi corre in aiuto degli automobilisti che non hanno tempo da perdere realizzando la prima vettura di serie con fari laser. Purtroppo, però, gli inediti proiettori abbaglianti non imitano alla perfezione le spade di Darth Fener e Luke Skywalker, limitandosi a illuminare a giorno uno spazio pari a 5 campi di calcio. Peccato.

Sarà la supercar R8 a portare al debutto i fari laser, similmente a quanto avvenuto nel 2008 per i proiettori a LED. Proposta in edizione limitata LMX (99 esemplari su base R8 Plus Coupé), è mossa dal noto V10 5.2 di derivazione Lamborghini Gallardo, portato da 550 cv (S tronic Plus) a 570 cv così da garantire uno scatto da 0 a 100 km/h in 3,4 anziché 3,5 secondi e una velocità massima di 320 km/h invece di 317. Nulla cambia quanto a trasmissione – a doppia frizione S tronic a 7 rapporti – e sistema di trazione integrale permanente quattro. Nel dettaglio, la sportiva di Ingolstadt abbina la tecnologia d’illuminazione laser con i gruppi ottici Matrix, in grado di catalizzare l’attenzione tanto per il design quanto per la funzionalità. Ogni proiettore abbagliante è infatti dotato di diodi la cui intensità può essere attivata, spenta o attenuata singolarmente in base alle condizioni di guida. Una gestione della luminosità di tipo predittivo, elemento ancor più sorprendente in quanto basata sui dati forniti dal sistema di navigazione e pertanto anticipata rispetto al percorso affrontato.

Sin qui nulla di rivoluzionario, dato che la tecnologia Matrix è stata portata al debutto dall’ammiraglia A8, se non fosse che gli abbaglianti sono ora gestiti, anziché mediante LED, grazie a diodi laser di dimensioni ridottissime, si parla di 300 micron di diametro, in grado di estendere il fascio luminoso sino a 500 metri dalla vettura. Una soluzione avveniristica condivisa con R18 e-tron quattro 2014, prototipo ibrido della Casa dei Quattro Anelli incaricato di conquistare la 24 Ore di Le Mans. Completano la dotazione tecnica di R8 LMX i cerchi in lega da 19 pollici, l’impianto frenante carboceramico – di serie anche per la versione Plus –, una nutrita serie di componenti in carbonio e lo spoiler posteriore fisso. Quest’ultimo prerogativa della limited edition e volto a incrementare il carico aerodinamico al retrotreno. Tutto ciò per un prezzo risibile: 210.000 euro in Germania. Contro i “nostri” 179.600 euro necessari per entrare in possesso d’una R8 V10 Plus. A pensarci bene, con la differenza si potrebbe acquistare un’Audi A3