Audi TT Clubsport Turbo: 600 cv per il Wörthersee

La show car di Ingolstadt adotta il 5 cilindri 2.5 delle “vecchie” TT RS, dotato di due turbo e della sovralimentazione elettrica così da erogare 600 cv. Scatta da 0 a 100 km/h in 3,6”.

11 maggio 2015 - 11:05

Sotto il cofano c’è un mostro. O meglio uno dei propulsori più “cattivi” e famelici di giri mai realizzati. Parliamo del 5 cilindri 2.5 turbo a iniezione diretta Made in Audi, al momento non ancora disponibile per la nuova TT. Per ovviare a questa smagliatura, i tecnici di Ingolstadt hanno ben pensato, in vista del Wörthersee 2015 – il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW – di approntare la show car TT Clubsport Turbo, donando al celebre propulsore una “manciata” di cavalli: 600!

Due turbocompressori e la sovralimentazione elettrica per ottenere 600 cv e 650 Nm di coppia scaricati a terra grazie alla trazione integrale quattro abbinata a un classico cambio manuale a 6 rapporti. Una soluzione, a detta della stessa Audi, vicina alla produzione di serie. Nello specifico, la sovralimentazione elettrica – che sfrutta una batteria al litio collocata nel bagagliaio – apporta 200 Nm aggiuntivi ai bassi regimi, favorendo la reattività alle pressioni dell’acceleratore e riducendo drasticamente il turbo lag. Complice il peso contenuto in 1.396 kg – solo 30 kg in più rispetto alla “sorella” TTS da 310 cv –, Audi TT Clubsport Turbo scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e raggiunge una velocità massima di 310 km/h.

Oltre 300 km/h richiedono una specifica cura aerodinamica, ispirata all’Audi 90 IMSA GTO del 1989 – caratterizzata da un 5 cilindri 2.2 turbo da 700 cv –, forte sia di un alettone a incidenza variabile sia di un paraurti anteriore con prese d’aria maggiorate, mentre le carreggiate vengono ampliate di ben 14 cm rispetto all’originale. Gli interni sono ridotti ai minimi termini, a tutto vantaggio del contenimento dei pesi, laddove la struttura è rinforzata dalla presenza di una semigabbia in titanio dall’impostazione decisamente racing. Il massiccio ricorso alla fibra di carbonio si accompagna a una taratura specifica dell’assetto, cerchi in lega da 20 pollici abbinati a pneumatici 275/30 e un impianto frenante carboceramico con dischi anteriori da 370 mm di diametro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Seat Ibiza, Arona e Tarraco: in arrivo nuove motorizzazioni 

Mazda EV, una prima volta… elettrica

Nissan IMk, il concept cittadino ispirato alla cultura giapponese