Audi TT Quattro Concept

Dieta stretta per il corpo, anabolizzanti per i muscoli. La Audi TT Quattro Concept dimostra fino a che punto è possibile alleggerire una vettura di serie. Trazione integrale, 320 cv su 1.111 kg. Chi non vorrebbe guidarla?

Oltre a essere un momento di aggregazione per gli appassionati del marchio di Wolfsburg, il raduno del gruppo Volkswagen a Wörthersee rappresenta sempre una buona occasione per mostrare qualche show car. Concept, più che altro, ma che in un certo senso non sono così improbabili e potrebbero anche arrivare effettivamente sul mercato. Quanto meno anticipano le intenzioni della Casa. In effetti, guardando questa Audi TT Quattro Concept, è facile farsi venire l’acquolina in bocca e, soprattutto, farsi venire voglia di tempestare di mail l’ufficio marketing di Ingolstadt chiedendo di costruirla sul serio.

 

La TT Quattro Concept è stata realizzata espressamente per il raduno Wörthersee e sfrutta alla grande la leggerezza del carbonio (usato praticamente ovunque) che contribuisce, assieme a molti altri elementi, a tagliare ben 300 kg sul peso complessivo, che si ferma 1.111 kg, nonostante la TT Quattro Concept (come si evince dal nome) mantenga la trazione integrale. Il lavoro per risparmiare peso è stato certosino, applicando fibra di carbonio nel tunnel, nel montante centrale, nel tetto e nella zona posteriore. Ma è stato utilizzato anche il magnesio per alcune parti del pianale.

L'impianto frenante sfrutta dischi anteriori in carboceramica con pinze in alluminio e lo scarico è stato realizzato in titanio. Nemmeno i cerchi sono scampati alla dieta: in carbonio e alluminio, da soli contribuiscono a ridurre il peso di 20 kg. Ma non è tutto: per contenere al massimo le masse non sospese, gli ammortizzatori sono in fibra di vetro e resine epossidiche in luogo del tradizionale acciaio, un accorgimento che consente di ridurre del 40% il peso di questi delicati componenti.

Altri accorgimenti: la batteria al piombo è stata rimpiazzata da una ai polimeri di litio (già usate da tempo nelle moto) e i sedili della R8 GT in fibra di vetro sono più leggeri di 22 kg rispetto a quelli “normali”. Per fortuna alla violenta cura dimagrante sono scampati climatizzatore e vetri elettrici, pesanti sì ma necessari per usare la TT Quattro Concept nella vita di tutti i giorni. Sempre che ci arrivi…

Gli ingegneri tedeschi hanno messo mano in modo pesante al corpo vettura ma non solo a quello. Il quattro cilindri due litri turbo è stato”pompato” fino a raggiungere i 310 cv di potenza e i 400 Nm di coppia; al contempo il motore è stato alleggerito di 25 kg. Interventi che, secondo quanto dichiarato da Audi, consentirebbero alla TT Quattro Concept di raggiungere un invidiabile rapporto peso/potenza di 6,4 kg/cv, di toccare i 278 km/h e di bruciare lo 0-100 km/h in 4,2 secondi. Quasi impossibile pensare a una produzione in serie, ma una serie limitata perché no?