Auto elettriche, ecco perché conta di più la velocità della potenza di ricarica

Velocità di ricarica. È (anche) su questo punto che si gioca la sfida tra Case per la diffusione delle auto elettriche. Ecco come sta lavorando Audi

14 luglio 2020 - 8:25

Maratona, 100 metri piani, corsa di ciclismo a tappe, gara di MotoGP o di Formula 1; prendete a modello lo sport che preferite, ma il concetto di base è sempre lo stesso: vince chi tiene la velocità media più elevata, non chi tocca la punta più alta.

Sulla base di questo principio, il Gruppo Volkswagen ha progettato un metodo di ricarica delle batterie delle auto elettriche capace non tanto di sfruttare potenze da record, quanto di gestire medie molto elevate per lungo tempo. Ecco perché.

Il 65% della ricarica alla massima potenza

Quanto ci vuole per ricaricare un “mega SUV” elettrico come l’Audi e-tron?

Le batterie non amano gli sbalzi termici

Come si conserva il fresco

Veloce è meglio. Per tutti

Commenta per primo