Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico / semiautomatico / manuale)

Come funziona il cambio manuale Il cambio manuale è quello in dotazione nel maggior numero di automobili (almeno in Europa), […]

Come funziona il cambio manuale

Il cambio manuale è quello in dotazione nel maggior numero di automobili (almeno in Europa), con il quale è il guidatore che decide, in totale autonomia, quale numero di rapporto o, più comunemente, di marcia, è il più adatto a seconda della velocità e dei giri del motore. Questa è la soluzione preferita dai puristi perché dona il vero piacere della guida e un maggiore divertimento. Inoltre, è la soluzione più economica sia in fase di acquisto della macchina sia in termini di manutenzione ed efficienza del consumo di carburante.

cambio manuale
credit: brumbrum.it

I primi cambi delle automobili si basavano su ingranaggi non sincronizzati e necessitavano di una ragguardevole abilità da parte del guidatore. Solo negli anni ’60 si è concepita la versione sincronizzata mediante l’utilizzo di due alberi paralleli. Il primo esemplare è stato introdotto da Cadillac nel 1929, ma la prima casa a inserire questo tipo di cambio nella produzione di massa è stata la Porsche nel 1952. In quel caso, però, la sincronizzazione riguardava solo il passaggio dalla seconda marcia alla terza.

Una marchia in più

La rivoluzione del cambio automatico

Il compromesso del sequenziale