Citroën C3 1.2 110 CV, come va e quanto consuma

Dalla città all’autostrada, passando per l’extraurbano, 100 km di test per verificare il consumo vero della sempre originale francese

Motore e comfort gli aspetti migliori

Tre cilindri, turbo, 1,2 litri di cilindrata. Il motore è senza dubbio uno degli aspetti più convincenti della C3. Pronto ai bassi, quasi sportivo ai medi, non disdegna di allungare fino a 5.500 giri. E vibra pochissimo: che si tratti di un 3 cilindri si capisce solo se, al di sotto dei 1.500 giri e con una marcia “lunga”, si affonda il gas; in tal caso qualche vibrazione si innesca.

Detto ciò, non si pensi che la C3 sia anche solo minimamente sportiva: del resto Citroën, da sempre, è sinonimo di comfort. A livello di sospensioni, l’assorbimento è impeccabile sia sulle buche più secche sia negli avvallamenti: non solo la taratura è morbida, ma lo smorzamento (la capacità di annullare vibrazioni e “ritorni”) è egregio. Quanto all’insonorizzazione, il timbro metallico si fa sentire solo quando si preme a fondo il gas. Per il resto, tutti i rumori rimangono all’esterno dell’abitacolo.

citroen c3 prova consumi - vista posteriore