In vacanza con il cane, consigli per il viaggio

Quando si compra un cane, spesso non si pensa a tutto ciò che comporterà la convivenza. E saranno i viaggi in auto e soprattutto le vacanze estive a mettere alla prova la sincerità del rapporto con il nuovo arrivato.

Dicono le statistiche che un italiano su cinque partirà per le vacanze insieme al suo animale domestico. Non è tutto: sempre secondo le statistiche, il numero di animali di compagnia è aumentato del 15% nel periodo della pandemia. Ergo, saranno ancora di più le famiglie che, quest’anno, avranno in auto un passeggero in più. Poiché, nel caso di un gatto, il trasporto è meno problematico, vediamo come la legge e il buon senso consigliano di comportarsi con un cane.

Il Codice della Strada

La regola generale è che l’animale sia custodito in modo da non intralciare la guida e non costituire un pericolo. È l’articolo 169 del CdS a disciplinare il trasporto dei cani in auto. Recita così: “È vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete o altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della Direzione generale della Motorizzazione Civile”. Per completezza di informazione, la multa in caso di violazione va da 84 a 335 euro, con decurtazione di un punto sulla patente.

Il buon senso

Ora che gli obblighi di legge sono chiari, ecco ciò che i veterinari e l’esperienza consigliano quando si viaggia con Fido.

  • Prima di tutto, se fa particolarmente caldo e se l’auto non ha l’aria condizionata, sarebbe opportuno proteggerlo dal sole. I cani sono molto sensibili al caldo e un paio di tendine parasole possono essere una buona soluzione. Anche lasciare che un po’ di aria entri dai finestrini può alleviare il caldo, oltre a permettere di sentire tutti gli interessanti odori che provengono dal mondo esterno. Finestrini abbassati non significa però cane affacciato… Innanzitutto perché è pericoloso e poi perché occhi e orecchie sono delicati.
  • Come per i bipedi, anche per i cani vale la regola di mangiare (meglio cibo secco) qualche ora prima del trasporto, così da  ridurre i rischi da mal d’auto. Al contrario è importante farlo bere a sufficienza e mantenerlo ben idratato, specialmente durante gli spostamenti più lunghi. A questo proposito, il consiglio è di portare con sé una di quelle ciotole ripiegabile e una borraccia con un po’ di acqua fresca, sia per bere sia per rinfrescarlo.
  • Va di conseguenza che è opportuno fare delle soste ogni due ore circa, per farlo sgranchire e dargli la possibilità di fare pipì.
  • Se viaggia nel classico trasportino, avere qualcuno dei suoi giochi, oltre a farlo sentire in un luogo familiare, lo farà viaggiare più sereno e tranquillo.
  • Sembrerebbe superfluo dirlo, ma una guida dolce e non nervosa, oltre a essere gradita ai passeggeri lo è anche al vostro cane, che viaggia meno comodo di chi siede sui sedili.

Portare il cane in vacanza ha però anche un grande vantaggio. Poiché lo spazio occupato dalla sua massa sottrae un uguale ingombro ai bagagli degli umani, si impara in fretta a ridurre la percentuale di cose superflue da mettere in valigia. Chi ne fa le spese dipende poi dall’autorevolezza del capofamiglia…