Continental rivoluziona la mobilità

Presentati a Las Vegas prototipi e sistemi all’avanguardia di infotainment, connettività e sicurezza. La rivoluzione è già cominciata.

13 gennaio 2020 - 16:35

Elettrificazione, connettività, sharing, guida autonoma: Continental ha portato al CES 2020 la sua rivoluzione della mobilità. Dal Transparent Hood al sistema audio 3D, passando dall’interfaccia integrata uomo-macchina, il Gruppo tedesco ha presentato alla fiera di Las Vegas la sua visione del futuro della mobilità pulita, sostenibile, connessa e sicura.

TRANSPARENT HOOD

Vincitore dell’Innovation Award nella categoria Vehicle Intelligence and Transportation, Transparent Hood di Continental mostra al conducente l’area immediatamente al di sotto del cofano, aumentando così la sua visuale e permettendogli di vedere ostacoli o porzioni di terreno che altrimenti rimarrebbero nascosti alla vista. Questa funzione si basa sul sistema Surround View di Continental che si compone di quattro telecamere e un’unità di controllo. Questa tecnologia, prima nel suo genere, aumenta la sicurezza e la comodità di guida degli automobilisti soprattutto per quanto riguarda la riduzione dei danni al veicolo durante i parcheggi.

AC2ATED SOUND

Continental e Sennheiser rivoluzionano l’audio onboard e presentano un sistema audio 3D senza altoparlanti capace di offrire un’esperienza sonora immersiva, estremamente realistica e coinvolgente all’interno del veicolo. L’innovativo prototipo di Continental abbandona la tecnologia degli altoparlanti convenzionali e trasforma le superfici già esistenti nell’abitacolo in casse di risonanza con il risultato di un suono vivido e dettagliato che avvolge i passeggeri. Rispetto ai sistemi audio convenzionali, Ac2ated Sound consente inoltre una riduzione del peso e dello spazio fino al 90%. Con un occhio, quindi, ai veicoli elettrici, dove spazio e leggerezza sono priorità assoluta.

CONTACT SENSOR SYSTEM (CoSSy)

Il nuovo sistema di sensori di contatto colma una lacuna dei sensori per auto esistenti e consente il rilevamento di impatti di bassa entità e a velocità ridotta tra un veicolo e una persona o un oggetto. La tecnologia dei nuovi sensori si basa sull’elaborazione dei segnali sonori generati dai diversi tipi di contatto. Molti gli ambiti di utilizzo, dal rendere più sicure le manovre di parcheggio automatizzato al rilevamento di atti vandalici. In caso di ammaccature o graffi i sensori potrebbero addirittura attivare la telecamera appropriata per scattare una foto della situazione. Altre funzioni supportate includono anche l’identificazione del conducente tramite riconoscimento vocale.

HUMAN-MACHINE INTERACTION (HMI)

Una soluzione di interfaccia uomo-macchina pensata specificatamente per i veicoli a guida autonoma, come CUbE, nata con l’intento di instaurare un dialogo continuo e naturale tra persone e veicoli. Gli utenti potranno comodamente prenotare una navetta e il proprio posto tramite un’applicazione per smartphone. I passeggeri potranno visualizzare su un ampio display le informazioni di viaggio complete e, mentre il veicolo attraversa la città, saranno visualizzati in tempo reale i punti di interesse, completi di informazioni aggiornate sugli eventi culturali e sociali. Prima dell’arrivo, il veicolo mostrerà le informazioni sul trasporto di collegamento alla loro prossima destinazione per aiutarli a pianificare il restante corso del viaggio.

SMART CITY MOBILITY AND TRANSPORTATION HUB

Progetto composto da due incroci, resi intelligenti grazie ai sensori, ai radar a corto e lungo raggio e al software intelligente integrato nell’infrastruttura che elabora i dati. Questa tecnologia è nata con lo scopo di migliorare il flusso del traffico, ridurre l’inquinamento e aumentare la sicurezza, comunicando i pericoli nascosti a pedoni e veicoli connessi. Tra le comodità, anche il conteggio dei veicoli che entrano ed escono da una zona specifica per comunicare i conseguenti posti auto disponibili ai veicoli connessi. Inoltre, è stato installato anche il sistema di rilevamento Wrong-Way Driver (WWD) che avverte i conducenti a rischio in prossimità di un automobilista in contromano.

EARN AS YOU RIDE

Durante la marcia, i sensori raccolgono enormi quantità di dati in tempo reale. Per sfruttare questo potenziale e consentire una rete ampia e densa, Continental, Hewlett Packard Enterprise (HPE) il fornitore di tecnologia Crossbar.io hanno sviluppato una piattaforma di scambio dati basata su blockchain, che le case automobilistiche e le aziende di altri settori potranno utilizzare per condividere le informazioni. Gli automobilisti guadagnano crediti guidando, grazie ai dati che essi stessi generano e le monete virtuali ottenute possono poi essere riscattate in cambio di ricompense decise dalle stesse Case automobilistiche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

RS, la Škoda cattiva
diventa ibrida

Continental, le novità presentate al MBE 2020

Porsche 718 GTS 4.0
tocca a Cayman e Boxster