Ferrari 488 Pista Spider, 720 cv per godere en plein air

La Ferrari Spider più performante di sempre debutta a Pebble Beach. Fissando nuovi riferimenti per gli avversari

27 agosto 2018 - 21:08

Ferrari spider e Stati Uniti: un matrimonio felice, che dura fin dagli Anni ’50. Potevano, quindi, gli uomini del Cavallino non presentare a Pebble Beach la nuova arma di Maranello? Certo che no: ecco a voi la Ferrari 488 Pista Spider, la più performante di sempre con il suo rapporto peso potenza pari a 1,92 kg/cv.


Vestito attillato
La base di partenza è stata – giocoforza – la 488 Pista, che a sua volta trasferisce su strada l’esperienza maturata sui tracciati di tutto il mondo dalla 488 Challenge e dalla 488 GTE. Da fuori a colpire è la banda blu a sezione crescente, che aumenta verso la coda e dà l’idea visiva del flusso d’aria che scorre. E poi ci sono i cerchi diamantati a stella 20”, che si ispirano alla tradizione delle berlinette Ferrari a motore posteriore-centrale. Volendo, si possono avere i cerchi monolitici in fibra di carbonio, che pesano il 20% in meno rispetto a quelli forgiati di serie.


Cuore d’oro
A spingere la Ferrari 488 Pista Spider c’è lui, il V8 biturbo più potente mai prodotto a Maranello: forte di 720 cv a 8.000 giri e 770 Nm a 3.000 giri in settima marcia. Calcolando i 1.380 kg di peso a secco, la Pista Spider può agguantare i 100 km/h da ferma in 2,85 secondi, e raggiungere, lanciata a briglie sciolte, i 340 km/h di punta. Secondo il comunicato diffuso da Ferrari, la dinamica veicolo ha “l’obiettivo di offrire una combinazione di accelerazione, efficienza frenante, velocità di cambiata, precisione di sterzo, aderenza, stabilità e maneggevolezza per assicurare un coinvolgimento di guida senza precedenti”.


Via i (pochi) kg in eccesso
Il risparmio di peso arriva anche dagli interni della Ferrari 488 Pista Spider, che offrono Alcantara e fibra di carbonio un po’ ovunque, oltre al laccetto apriporta al posto della maniglia dal lato del pilota e alle pedane in mandorlato, che sostituiscono i classici tappetini. Il prezzo di questo gioiello su ruote – il 50° modello di vettura aperta prodotto dalla Casa di Maranello – non è ancora stato rivelato. Ma sarà alla portata di pochi, non c’è quasi bisogno di ricordarlo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese