Fiat vs. Audi: la guerra dei nomi

Audi vorrebbe adottare le sigle Q2 e Q4 per le proprie SUV, ma Fiat, che ne detiene da anni i diritti, non acconsente. Scontro frontale o trattativa in vista?

Q3, Q5, Q7 e, dal 2016, Q1. Audi ha la Q nel cuore, avendo dedicato questa lettera alle SUV della propria gamma. E non nega che vorrebbe impadronirsi delle sigle Q2 e Q4. Nessun problema a livello logico, se non fosse che… Fiat non vi rinuncia!AlfaRomeo147Q2-001Uno sgarbo, oppure il tentativo di far lievitare il prezzo? Certo è che il Gruppo FCA (Fiat Chrysler Automobiles) non ha autorizzato la Casa di Ingolstadt ad adottare le denominazioni contese. Sigle che appartengono al passato dell’Alfa Romeo e che, al momento, non trovano alcuna applicazione concreta da parte della Casa del Biscione. Ad Arese, la Q stava per “Quadrifoglio” – lo storico allestimento sportivo Alfa –, mentre i numeri 2 e 4 indicavano le ruote motrici. Il sistema Q2, nel dettaglio, portava inizialmente in dote il differenziale TorSen – riservato a 147 e GT –, abbandonato nel 2008 in favore di un controllo della trazione evoluto e successivamente soppiantato dalla tecnologia Alfa DNA. La dizione Q2 ha pertanto accompagnato 159, Brera, Spider e MiTo.AlfaRomeo155Q4-001Il sistema Q4, ovvero le 4WD, debuttarono all’inizio degli Anni ’90 con l’Alfa Romeo 155. Tale tecnologia derivava dalla Lancia Delta Integrale e venne presto estesa alla 33 1.7 16V e alla 164 3.0 V6. 155 e 164, nel dettaglio, erano dotate di tre differenziali, dei quali il posteriore TorSen: la ripartizione dei kgm prevedeva una trasmissione della coppia al 57% al retrotreno e al 43% all’avantreno. Il sistema Q4 non ebbe sviluppi e morì insieme ai modelli citati. Ora FCA è a un bivio: dare via libera ad Audi oppure proseguire nell’ostruzionismo? Ai posteri – e ai denari tedeschi – l’ardua sentenza.