Ogreen, lunga vita alla gomma

Un po’ Greta, forse anche il Covid, qualche calamità naturale e, si spera, un minimo di coscienza… Fatto sta che siamo diventati più sensibili al tema dell’ambiente. E sarà per questo che la notizia di un’azienda italiana che ha scoperto come rigenerare la gomma vulcanizzata fa ancora più piacere. A mettere a punto lo speciale processo (esclusivamente termico/meccanico) è stato il Gruppo Oldrati, azienda multinazionale tra le più importanti nella produzione di manufatti in gomma, plastica e silicone, con importanti clienti anche nel mondo dei motori.

RI-GENERAZIONE

Innanzitutto, chiariamo che la gomma rigenerabile è quella monocomponente, quindi non le cosiddette mescole.  Prima di avviare il processo di produzione si seleziona la gomma già vulcanizzata (sfridi e scarti della produzione standard, che altrimenti andrebbe conferita in discarica). Prende quindi il via la prima fase di trattamento preliminare e dimensionamento. Segue quindi il cosiddetto eco-mastering, fase in cui la gomma è rigenerata e portata a uno stadio di pre-vulcanizzazione. Passo successivo e la vera e propria realizzazione di Ogreen, la nuova mescola che include gomma rigenerata e che, in base alle performance richieste dall’articolo tecnico, può essere combinata con altri ingredienti. Non resta quindi che procedere alla produzione del nuovo prodotto, secondo le metodologie classiche (stampaggio, estrusione…) con specifiche di produzione adattate alla Ogreen.

QUATTRO VITE

Sono quelle sperimentate finora da Oldrati Group, senza che le caratteristiche della gomma mutino minimamente. In realtà, però, il processo di rigenerazione regala alla gomma una sorta di immortalità… I vantaggi che ne conseguono sono molti e importanti: l’introduzione dei principi di economia circolare applicata al mondo della gomma, la diminuzione del consumo di risorsevergini, la riduzione degli sprechi e dell’utilizzo di discariche (fino a oggi l’unica fine del ciclo di vita di molti dei prodotti in gomma). Il pianeta ringrazia…