Jaguar XFR-S Sportbrake: chi ha paura dell’Audi RS6?

Entra nel ristretto club delle wagon da oltre 500 cv. Mossa da un V8 32V Supercharged di 5.000 cc a iniezione diretta di benzina, scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi e raggiunge i 300 km/h. Cambio automatico a 8 rapporti ZF e sospensioni adattive

9 marzo 2014 - 17:03

Pensavi di essere unica? Eri convinta di dettare legge? Credevi di poter spaventare il fior fiore delle sportive senza temere lotte intestine? Ebbene, cara Audi RS6, ti sbagliavi. Passato il Salone di Ginevra non dovrai guardarti le spalle soltanto da Mercedes-Benz E SW 63 AMG…

Jaguar presenta la nuova XFR-S Sportbrake. Versione cattiva, anzi cattivissima, della nota station britannica. Il motore è una vecchia conoscenza del Giaguaro: V8 32V di 5.000 cc a iniezione diretta di benzina dotato di fasatura variabile sia lato aspirazione sia lato scarico, sovralimentato mediante compressore volumetrico (tipo Roots) e proposto nello step da 550 cv e 670 Nm (69,4 kgm) di coppia. Unità che lavora in abbinamento a un cambio automatico a 8 rapporti ZF del tipo a convertitore di coppia con opzione manuale mediante levette al volante. La vettura scatta così da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi e raggiunge i 300 km/h (autolimitati). Prestazioni che, a dispetto della cavalleria in gioco, restano lontane da quanto promesso dalle rivali Audi RS6 e Mercedes-Benz E SW 63 AMG. La prima forte di un V8 4.0 biturbo a iniezione diretta di benzina da 560 cv nonché accreditata di un passaggio da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi, la seconda mossa da un V8 biturbo 32V da 5,5 litri a iniezione diretta di benzina da 557 o 585 cv (variante S) cui conseguono accelerazioni da 0 a 100 km/h rispettivamente in 3,8 e 3,7 secondi.

Per contenere l’esuberanza del propulsore Supercharged è previsto un differenziale meccanico a slittamento limitato gestito elettronicamente. Non mancano sospensioni adattive che vedono molle, boccole e barre antirollio irrigidite, specie al retrotreno, rispetto alle comuni XF wagon. Nulla cambia quanto a capacità di carico: il bagagliaio vanta una capienza compresa tra 550 e 1.675 litri. Gli interni in pelle con effetto carbonio sono di serie così come il sistema audio da 380W con 12 altoparlanti by Meridian. Adotta dischi freno autoventilanti anteriori da 380 mm di diametro e posteriori da 376 mm.

Accanto a XFR-S debutterà a Ginevra la versione entry level della gamma XF denominata R-Sport, sia berlina sia wagon, mossa dal noto 4 cilindri in linea 2.2 td nello step da 163 cv. Configurazione “depotenziata” dotata di sistema Stop&Start e cambio automatico a 8 rapporti ZF del tipo mediante convertitore di coppia così da garantire una percorrenza media di 20 km/l. Adotta di serie cerchi in lega da 17” e scatta da 0 a 100 km/h in 10,5 secondi raggiungendo una velocità massima di 209 km/h.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]

Peugeot 3008 GT Hybrid4, la variante ibrida plug-in si aggiunge alla gamma