Fate pure le splendide. Gloriatevi di essere arrivate per prime. Ma non riposate sugli allori. Io vi vedo, vi osservo, vi studio. Mi preparo. Perché quando giungerà il mio momento, allora scoccherà la resa dei conti. Fossi in voi, care Leaf e Zoe, io non dormirei sonni tranquilli…”. Firmato Kia Soul EV.

KiaSoulEV-dida01
Arrivera’ nella seconda meta’ del 2014 e sara’ la prima vettura coreana totalmente elettrica disponibile al di fuori del mercato d’origine. Sono di serie i gruppi ottici a Led e i cerchi in lega aerodinamici da 16 pollici
La compatta coreana, dopo essersi rifatta il trucco in vista del 2014, è pronta a “invadere” i mercati globali grazie alla propulsione elettrica. Una svolta in chiave ecologica che ha in Nissan Leaf e Renault Zoe le principali rivali.

200 km di autonomia. Vale a dire una percorrenza in linea con la concorrente nipponica, accreditata di 199 km, e non molto distante dalla contendente francese (210 km), a fronte di un propulsore decisamente pimpante, accreditato di 111 cv e 29,1 kgm di coppia, laddove Leaf deve “accontentarsi” di 109 cv e 25,9 kgm e Zoe non va oltre 88 cv e 22,4 kgm. Sviluppata sulla base dell’esperienza triennale maturata con i prototipi Ray EV messi a disposizione d’alcuni clienti ed enti pubblici coreani, adotta un pacco batterie realizzato mediante polimeri e ioni di litio. Secondo la Casa dovrebbe scattare da 0 a 100 km/h in meno di 12,0” e raggiungere una velocità massima di 145 km/h. Prestazioni in linea con l’elettrica Nissan (11,5” e 144 km/h) e nettamente superiori a Renault Zoe (13,5” e 135 km/h).

KiaSoulEV-dida02
Il motore e’ collegato alle ruote anteriori attraverso una trasmissione con riduzione a rapporto fisso. Il recupero dell’energia avviene in frenata e nelle fasi non di carico del propulsore
Analogamente alle “comuni” Soul 2014, adotta la medesima piattaforma dell’ultima versione di Kia cee’d. La ricarica delle batterie può essere effettuata in 5 ore attraverso una comune presa di corrente; lo stesso processo avviene in 25 minuti in modalità rapida, sfruttando colonnine erogatrici a 100 kW.

Silenziosa come un indiano Apache sul sentiero di guerra. Persino troppo! Per la sicurezza dei pedoni, onde non tendere loro “agguati” involontari, l’assenza di rumori esterni è compensata dal suono prodotto dal sistema VESS (Virtual Engine Sound System) che segnala la presenza della vettura in movimento al di sotto dei 20 km/h e in retromarcia. In sintonia con la vocazione “green” di Soul EV, i materiali utilizzati sono in gran parte di origine naturale o riciclati: bio plastiche, bio schiume, bio tessuti, pannelli ottenuti con materie prime naturali mixate a sostanze organiche e vernici di nuova composizione prive di inquinanti.