Lamborghini Urus: il nuovo SUV di Casa Lamborghini con i numeri da supercar

Eletto il SUV più veloce al mondo - raggiunge i 305 km/h, con un’accelerazione 0-100 km/h in 3,6 secondi e 0-200 km/h in 12,8 secondi - arriva ora in tutte le concessionarie ufficiali del Toro

1 novembre 2018 - 17:11

Ci sono voluti sei anni perché entrasse in produzione ma ora la moderna supercar firmata Lamborghini è finalmente in tutte le concessionarie ufficiali della famosa Casa automobilistica di Sant’Agata. Uno dei SUV più veloci al mondo, la Lamborghini Urus è il risultato della perfetta combinazione tra una supercar e un’auto familiare a cinque porte dando vita al primo Super Sport Utility Vehicle. 

Ma la domanda che è sorta a tutti gli appassionati è stata una: “La Urus sarà una vera Lamborghini?”. Tante sono state le case automobilistiche che nel corso degli anni hanno messo in produzione veicoli che avessero uno scopo commerciale piuttosto che di sperimentazione motoristica, mirati proprio ad acquisire nuovi target e ad entrare a pieno titolo in nuove fette di mercato che prima sembravano non riguardargli affatto.
Ovvio però che, anche se il nuovo modello di automobile è lontano dai classici da gara, la Casa automobilistica di Sant’Agata ha lavorato duramente per adeguare il concetto ai valori del brand combinando al meglio tutte le soluzioni tecniche del gruppo Volkswagen a cui la Lamborghini appartiene. Questo nuovo SUV infatti centra in pieno l’obiettivo delle altissime prestazioni accaparrandosi anche il titolo di SUV più veloce al mondo che, grazie al suo motore V8 biturbo da 650 cv e 850 Nm, raggiunge i 305 km/h, con un’accelerazione 0-100 km/h in 3,6 secondi e 0-200 km/h in 12,8 secondi. Un SUV di tali prestazioni, però, necessita anche di un adeguato impianto frenante e la Lamborghini Urus, con i suoi freni con dischi in carboceramica nati per l’uso agonistico, supera la prova a pieni voti vantando una frenata 100 km/h-0 in soli 33,7 metri nonostante le 2,2 tonnellate di peso che questa supercar raggiunge. 

La Lamborghini Urus è costituita di ruote posteriori sterzanti, barre anti rollio attive e Torque Vectoring sulle ruote posteriori ed è perfetta sia per la città che sull’off-road. La Urus mette a disposizione del conducente diverse modalità selezionabili come i più classici Strada, Sport e Corsa, con l’aggiunta di modalità quali Neve, Terra e Sabbia, modificando a seconda del terreno altezza di guida, sospensioni, reattività del motore e sterzo con la possibilità di salvare i parametri preferiti nella modalità Ego.
Le linee dinamiche e fluide del suo design racchiudono in sé l’anima sportiva, elegante e allo stesso tempo off-road della Urus. Nonostante le sue 2,2 tonnellate e la lunghezza di 511 cm per una larghezza di 2 m, il SUV appare piuttosto slanciato e, grazie al rapporto tra superfici di carrozzeria e cristalli, rispettivamente di due terzi e di un terzo, risulta essere una Lamborghini a tutti gli effetti. Al suo interno, in cui artigianalità italiana e tecnologie all’avanguardia si sposano perfettamente, può ospitare fino a cinque persone se si opta per le tre sedute posteriori con schienale come i classici SUV, oppure quattro persone se si opta per il modello più sportivo con le poltrone singole. I sedili sono scolpiti e stilizzati ma molto confortevoli perché climatizzati e massaggianti e possono essere regolati in 12 posizioni.

Gli interni possono essere personalizzati a seconda se si vuole dare alla propria Urus un’aria più sportiva o più elegante, grazie alla possibilità di scegliere tra una vasta gamma di colori e materiali come pelle, alluminio o carbonio, finiture in legno e Alcantara, con la possibilità di aggiungere su alcuni di questi materiali delle cuciture a contrasto o Q-citura. Al centro del cruscotto, grazie al concept “driver-oriented” troviamo tre display TFT, uno dedicato al quadro strumenti, uno al sistema di infotainment e l’altro alle funzioni comfort. Inoltre la Urus è fornita di sistema Lamborghini Infotainment System con controllo vocale connesso che riconosce i comandi vocali per gestire musica, messaggi e chiamate, con la possibilità di personalizzare completamente tutti gli strumenti digitali. Le dotazioni di serie includono il controllo vocale, il profilo di memoria personali, lettore DVD e impianto audio, carica wireless, connessioni USB e Bluetooth oltre che a quella con Android Auto e Apple CarPlay.

Dal design ispirato alla storica LM002, tutte le superfici della Urus sono state progettate per una migliore funzionalità. Il frontale mostra la posizione anteriore del motore sotto il cofano, con cupola dalle linee diagonali, e dispone di un bagagliaio spazioso automatico con comando a “piede” con vano di carico da 616 litri che può essere espanso fino a 1596. Anche le prese ad aria frontali presentano la classica forma a “Y” e sono siglate con la bandiera italiana. Le sedute del conducente e dei passeggeri hanno una posizione bassa e questo è facilmente intuibile dalla bassa linea del tetto e dalla posizione dei cristalli senza cornice. Anche il parabrezza fortemente inclinato e i cristalli posteriori angolati, supportati da montanti, richiamano le classiche linee di design di Lamborghini, così come l’intera parte posteriore della Urus che è legata dal parafango e dal pannello nero dove sono posti le griglie d’aria, le luci di coda, anch’esse a forma di “Y”, e il logo di Lamborghini.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Youngtimer – Fiat Tipo, l’auto di Montalbano

1969: la Nasa arriva sulla Luna, in Italia debutta la Fiat 128

Mitsubishi L200 DC Hurricane, un nome una garanzia