MINI Countryman a quota 250.000

A due anni e mezzo dall’inizio della produzione, la quattro porte ha festeggiato il traguardo delle 250.000 unità prodotte

Dal mondo dell'auto arriva anche qualche buona notizia, per fortuna: in questi giorni è stata celebrato il 250.000 esemplare della MINI Countryman, il primo modello a quattro porte nella gamma della Casa anglo-tedesca. “L’elevata domanda su scala mondiale rappresenta una conferma della strategia di ampliamento coerente della gamma di modelli MINI”, ha dichiarato Harald Krüger, membro del board di BMW AG, MINI, BMW Motorrad, Rolls-Royce e Aftersales BMW Group. La cerimonia si è svolta a Graz, in Austria, nella sede del partner Magna-Steyr, dove peraltro è iniziata da poche settimane la produzione del settimo modello in gamma, l'affascinante Paceman appena provata. La MINI Countryman (guarda il viaggio dal Circolo Polare Artico) è disponibile anche con l'opzione della trazione integrale ALL4, abbinato a una gamma di motorizzazioni estesa: MINI Cooper S Countryman (135 kW/184 cv), MINI Cooper SD Countryman (105 kW/143 cv) e MINI Cooper D Countryman (82 kW/112 cv). Da non dimenticare il modello top, ossia MINI John Cooper Works Countryman, che la trazione integrale la offre di serie, insieme al quattro cilindri da 218 cv.

Nel 2012 la Countryman è stata venduta in 102.250 esemplari nel mondo, con la Cooper S Countryman al vertice delle preferenze dei clienti. Il 37% delle unità sono equipaggiate con motore Diesel, nonostante le relative motorizzazioni non siano offerte su tutti i mercati.