MINI model year 2018: questione di affinamenti

In leggero anticipo rispetto al Salone di Detroit, MINI svela gli aggiornamenti ricevuti ai suoi modelli a 3, 5 porte e cabrio. Sono meccanici, elettronici e anche estetici

10 gennaio 2018 - 22:01

GIOCO D’ANTICIPO
MINI gioca d’anticipo e a sorpresa svela le MINI model year 2018. Le novità riguardano i modelli a 3, 5 porte e cabrio e toccano molti argomenti: le piccole modifiche meccaniche migliorano l’efficienza del motore, quelle estetiche invece affinano il design globale. Infine, qualche novità anche per gli allestimenti, ora più ricchi e ancora più personalizzabili.
MECCANICA EVOLUTA
I motori non sono cambiati nei fondamentali, ma modifiche piuttosto profonde (come le palette del turbo più resistenti o la pressione dell’iniezione aumentata fino al 75%) hanno permesso di aumentare di 10 Nm la coppia massima sul benzina 1.5, mentre sugli altri motori sono notevolmente calati i consumi (fino a un massimo del 5%). Per chi non ricorda, oggi come ieri le motorizzazioni disponibili sono benzina 1.5 da 75, 102 o 136 cv e 2.0 da 192 cv, mentre le versioni a gasolio sfruttano il 1.5 da 95 o 116 cv e il 2.0 da 170 cv. Al posto dell’automatico a 6 rapporti c’è ora un moderno doppia frizione (DCT Steptronic, sulla sola S utilizzabile tramite paddles dietro al volante) a 7 velocità (che ha contribuito all’abbassamento dei consumi), mentre la Cooper SD da 170 cv è l’unica con l’automatico Steptronic a 8 innesti di serie.


SIAMO CONNESSI
Parlando di interni, le MINI model year 2018 hanno fatto un passo avanti. C’è il nuovo volante a tre razze multifunzione, la radio con schermo a colori da 6,5 pollici, USB e interfaccia Bluetooth di serie, oltre alla base per la ricarica wireless dello smartphone. Tra le possibilità di personalizzazione, invece (tra cui i nuovi giochi di luce), ci si può sbizzarrire con il programma MINI Yours Customized, per cucirsi addosso la MINI come più ci piace. A livello di connettività (tutto offerto in optional), ci sono nuove funzioni per la piattaforma MINI Connected, come il Real Time Traffic Information e gli aggiornamenti automatici delle mappe di navigazione grazie una connessione 4G LTE. C’è poi il portale internet MINI Online con notizie, previsioni meteo e una panoramica sui prezzi dei carburanti. Non manca la predisposizione Apple CarPlay.


MI RIFACCIO IL LOOK
A livello estetico le novità introdotte dalle MINI model year 2018 non sono poi molte: lo stemma è stato semplificato nel design e i fari posteriori a led ora riproducono la bandiera della Union Jack. All’anteriore invece è possibile montare (optional) i fari abbaglianti con funzione Matrix, per ridurre automaticamente la luminosità quando s’incrocia un altro veicolo. I prezzi non sono ancora stati dichiarati, ma le MINI model year 2018 saranno mostrate al grande pubblico al prossimo Salone di Detroit, in scena tra pochi giorni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ferrari_f355_berlinetta gialla + Ferrari F1 anni 90

Youngtimer – Ferrari F355 Berlinetta, bentornato Cavallino

Peugeot 3008 GT Hybrid4 e 508 Hybrid
arrivano le ibride plug-in

Mitsubishi New Gen L200, prezzi da 24.836 euro