Peugeot 208 XY Concept 2012

La 208 si fa chic ed elegante. Arriverà a Ginevra con gli artigli affilati per essere protagonista nel settore delle piccole di lusso

La Peugeot 208 XY non è frutto di una semplice mano di vernice che trasforma la piccola francese in un oggetto fashion. La tinta Pulsion, scelta per identificare la nuova concept della Casa del leone, cambia sfumatura a seconda del punto di osservazione a della distanza da cui si guarda.  Per ottenere questo effetto camaleontico sono necessari ben sedici strati di verniciatura che rappresentano solo una piccola parte del grosso lavoro che c’è dietro questa vettura ancora in configurazione concept.Eleganza e buon gusto s’incrociano perfettamente tra la scelta dei dettagli estetici e quelli dell’abitacolo, con la pelle per gli interni; tutti i dettagli a partire dai sedili sono in pelle grigia fino al padiglione del tetto panoramico.Prepariamoci a sentir parlare di lei in forma definitiva in occasione del salone svizzero di Ginevra, visto che già si conosce il motore che la equipaggerà: il 1.600 con tecnologia e-HDI meglio conosciuto come “micro ibrido”, che eroga 115 cavalli e monta il cambio manuale a 6 marce. La tecnologia green che equipaggia i motori della Casa francese riduce al minimo il tempo di accensione del motore – solo 400 millisecondi – e passa alla modalità stand-by quando si scende al di sotto dei 20 km/h in frenata.Peugeot con la XY ha giocato la carta del rinnovamento estetico, sradicando completamente la sigla 208 dal concetto di “urban car” fatta e finita. Il muso è più tondo e aggressivo, caratterizzato da una nuova calandra e da nervature che corrono sul cofano motore; il profilo della carrozzeria è valorizzato dai nuovi passaruota più larghi e ribassati, che abbracciano pneumatici montati su cerchi in lega da 18 pollici.Nessuna informazione almeno fino al 6 di marzo – data di inizio del salone di Ginevra – per ciò che riguarda prezzi e date di commercializzazione.