Peugeot 508 RXH 2012

Dopo la berlina e la sw presentate a inizio 2011 è ora la volta della versione ibrida con motore Diesel. La 508 RXH ha 200 CV, 4 ruote motrici e può viaggiare il modalità completamente elettrica. Presente al Salone di Ginevra, da noi arriverà a primavera.

Dopo aver lanciato per prima al mondo la tecnologia HYbrid4 (che abbina un motore elettrico a uno diesel) Peugeot allarga la gamma delle sue Ibride alla 508 che per l’occasione lancia una nuova sigla in Casa Peugeot: RXH. Per Peugeot quindi questo si può considerare un debutto nel segmento delle “Allroad” quelle station un po’ rialzate, con trazione integrale che non si fermano davanti a una strada dissestata o addirittura sterrata. La Peugeot 508 RXH grazie alla tecnologia Hybrid4 offre in questo caso sicuramente un punto di vista differente su questo particolare segmento, visto che è capace di muoversi per brevi tragitti in modalità al 100% elettrica e dichiara consumi nel ciclo misto inferiori a 4,1 litri/100 km, ed emissioni di CO2 che non arrivano a 107 g/km.Il propulsore 2.0  HDi FAP HYbrid4 da 120 kW (163 CV), e 300 Nm di coppia massima montato anteriormente è abbinato a un motore elettrico di tipo sincrono a magneti permanenti posizionato al retrotreno. La potenza massima dichiarata è 20 kW (27 CV), con un picco di 27 kW (37 CV) e genera una coppia in continuo di 100 Nm, che sale a 200 Nm nella fase di picco. Dunque, la potenza massima dei due motori utilizzati in parallelo arriva a 147 Kw (200 CV) e 450 Nm.Non manca, naturalmente, il sistema di recupero dell’energia che permette al motore elettrico di immagazzinare le forze cinetiche sviluppate in frenata e in rilascio. Ad ulteriori richieste di potenza il motore elettrico si “trasforma” in generatore rilasciando l’energia accumulata e aiutando a ridurre i consumi senza sovraccaricare l’alternatore.Motori, chi fa che cosaDetto che la filosofia di funzionamento “ibrida” abbina il funzionamento di un motore termico (in questo caso a gasolio) a uno (o più) motori elettrici, vediamo in dettaglio come l’ha sviluppato il Gruppo PSA Peugeot CitroënIl motore termico funziona in modo ottimale sui percorsi stradali e autostradali o extraurbani. È il più efficiente e il più polivalente per assicurare la mobilità di qualsiasi veicolo.Il motore elettrico subentra al termico nelle fasi di minore rendimento, soprattutto nelle partenze o nella guida a bassa velocità. Queste situazioni corrispondono agli utilizzi tipici della guida urbana. Il passaggio dal motore termico a quello elettrico avviene automaticamente grazie al sistema Stop & Start: un alternatore reversibile mette in stand-by il motore termico, per poi avviarlo quando richiesto (sollecitazione sull’acceleratore, batterie scariche…);I due motori possono anche funzionare insieme in alcune condizioni di marcia (funzione “boost” in caso di accelerazioni decise, per esempio durante un sorpasso). Le prestazioni dell’HYbrid4 sono dunque direttamente paragonabili a quelle ottenute con un unico motore termico di cilindrata superiore, con molto brio.Il motore elettrico può dare una mano anche aumentare il piacere di guida. Innanzitutto permette di eliminare i cali di coppia generati dai cambiamenti di marcia. Poi, a ogni partenza, la propulsione elettrica interviene sistematicamente, a prescindere dalla modalità selezionata, per facilitare l’avvio dell’auto.Nel frattempo, chi è al volante è informato in tempo reale sulla modalità di funzionamento del sistema ibrido. Infatti lo schermo da 7’’ 16/9 a colori, in posizione ben visibile sulla plancia mostra la catena di trasmissione ibrida e lo stato di carica della batteria grazie a un sistema dotato di un indicatore elettronico a 8 tacche.Il quadrante a sinistra del cruscotto indica la percentuale di potenza utilizzata o recuperata in fase di frenata o di sollevamento del piede dal pedale dell’acceleratore.Tre zone definiscono il modo funzionamento della batteria:Carica (recupero di energia),Eco (gamma di funzionamento ottimale),Power (% di potenza elettrica utilizzata).Quattro modi di guidare e risparmiareIl selettore “Hybrid4” permette al guidatore di scegliere tra quattro modalità di guida.Modalità “Auto”  in cui l’elettronica gestisce automaticamente tutto il sistema, utilizzando in modo ottimale il motore termico e il motore elettrico. Questa modalità sfrutta in maniera molto semplice per il conducente tutte le caratteristiche dinamiche dell’ibrido diesel: trazione anteriore ‘diesel’, 4 ruote motrici o propulsione elettrica fino a 60 km/h.Modalità “ZEV” (Zero Emission Vehicle), per una motricità esclusivamente elettrica, con il motore termico che entra in azione solo nelle fasi di maggiore accelerazione. Questa scelta è l’ideale per partenze discrete in città, o per beneficiare appieno del comfort e del piacere di una guida silenziosa. Peugeot dichara che si può guidare con la sola trazione elettrica fino a una velocità di circa 60 km/h per 4 chilometri.Modalità 4 ruote motrici (4WD), per migliorare la motricità, dà ai due motori l’ordine di funzionare il più possibile contemporaneamente: in questo caso le ruote posteriori sono mosse dal motore elettrico, quelle anteriori dal motore termico. La ripartizione della coppia può arrivare fino al 40 % sul retrotreno a bassissima velocità e si modifica in funzione delle condizioni di aderenza e dell’andatura. Le 4 ruote motrici non sono dunque permanenti. Le centraline elettroniche si incaricano di gestire con la massima precisione l’apporto di motricità fornito alle ruote posteriori per limitare il consumo di energia.Modalità “Sport” che privilegia il dinamismo, permette leggi di selezione delle marce più rapide a regimi del motore più alti rispetto alla selezione Auto. In questa modalità l’accelerazione da 0 a 100 km/h è ridotta a soli 8,8 secondi e la ripresa da 80 a 120 km/h si effettua in soli 6,6 secondi. La potenza massima combinata può così raggiungere 147 kW (200 CV) considerando i 120 kW (163 CV) del 2.0 HDi FAP e la potenza di picco dell’unità elettrica (27 kW ossia 37 CV). La coppia erogata dal diesel anteriore è di 300 Nm, mentre quella del motore elettrico posteriore è pari a 200 Nm. Tra l’altro, grazie a queste prestazioni, 508 RXH è in grado di trainare un rimorchio frenato fino a 1 100 kg di peso con trasferimento di carico (800 kg senza trasferimento di carico).