Suzuki S-Cross è la classica compagna di classe che in età adolescenziale non consideri affatto, forse perché tranquilla e poco appariscente, salvo rivederla dopo qualche anno cambiata e raffinata, restando folgorato al punto da darti dello stupido per come ti sei comportato. Presentata nel 2013, la crossover media nipponica – è lunga 4,3 metri – beneficia di un restyling sia estetico sia tecnico che le dona un fascino sinora sconosciuto. Pratica, spaziosa e capiente come la precedente generazione, può oggi contare su linee moderne e una gamma motori ampliata, con i benzina 1.0 e 1.4 BoosterJet, vale a dire turbo a iniezione diretta, valide, anzi validissime alternative al noto 1.6 turbodiesel da 120 cv. Una ricetta ricca, resa ancor più gustosa dalla vocazione fuoristradistica – optando per le versioni a trazione integrale – superiore alle dirette rivali, da nuove dotazioni di sicurezza e da un prezzo d’attacco aggressivo: 15.190 euro (in promozione sino al 30 settembre). Un pacchetto molto allettante.

SuzukiSCross1.4BoosterJet-004

LIVE
La povertà, questa sconosciuta. La nuova S-Cross abbina materiali di qualità a finiture abbastanza curate. Pregevoli, in particolar modo, i rivestimenti soft touch (morbidi al tatto) della plancia, il layout dell’abitacolo e, soprattutto, la dotazione di serie. Quest’ultima completa, anzi completissima. Sin dall’allestimento base, denominato Easy, sono inclusi l’ABS, l’ESP, 7 air bag, l’assistenza alla partenza in salita, il climatizzatore, la radio CD/Mp3 con USB e Bluetooth, il cruise control e i cerchi in lega da 16 pollici, mentre optando per il livello intermedio Cool – il più interessante oltre che l’entry level per tutte le motorizzazioni eccetto il 1.0 BoosterJet – si aggiungono all’equipaggiamento base la chiave a transponder, l’avviamento a pulsante, il clima automatico bizona, il sistema multimediale corredato di display touchscreen da 7 pollici e tecnologia sia MirrorLink sia Apple CarPlay per il dialogo privilegiato con gli smartphone Android e iOS, la telecamera in retromarcia, i sedili riscaldabili, i fari Full LED e i cerchi in lega da 17 pollici. Impossibile pretendere di più. Ah, no… è possibile! La versione Top può contare anche sulla frenata automatica d’emergenza, il cruise control adattivo, il navigatore satellitare e i sensori di parcheggio anteriori e posteriori.

SuzukiSCross1.4BoosterJet-017

Tanta ricchezza nelle dotazioni induce a perdonare piccole smagliature quali la mancanza della regolazione lombare dei sedili e la capienza non eccezionale (875 litri) del bagagliaio una volta abbattuto il divanetto frazionabile 40/60. In compenso, la capacità di carico con 5 persone a bordo è da riferimento, dato che con 430 litri, incrementabili a 440 optando per il posizionamento verticale degli schienali posteriori (a inclinazione variabile), S-Cross eguaglia una best seller quale Nissan Qashqai (430 litri) sopravanzando al contempo le concorrenti d’analoghe dimensioni Opel Mokka (362 l) e Peugeot 2008 (360 l).

SuzukiSCross1.4BoosterJet-027

La concretezza della crossover nipponica, ammiraglia della gamma Suzuki in quanto più lunga di 12 cm rispetto a Vitara, risulta ulteriormente rafforzata dalla generosa abitabilità sia anteriore sia posteriore: se il guidatore non ha nulla da recriminare, complice la posizione di guida ampiamente personalizzabile, altrettanto si può dire per gli occupanti della seconda fila di sedili che beneficiano di ampio spazio a livello tanto delle gambe quanto della testa. Diversamente da gran parte delle rivali, anche i soggetti di statura superiore alla media non lamentano contatti tra il capo e il padiglione della vettura. Good job, Suzuki!

SuzukiSCross1.4BoosterJet-031

Ricordate il 1.6 benzina aspirato da 120 cv appannaggio della precedente generazione di S-Cross? Bene, dimenticatelo in quanto sostituito da unità moderne e tecnologicamente raffinate, vale a dire dai nuovi 3 cilindri 1.0 e 4 cilindri 1.4 BoosterJet a iniezione diretta sovralimentati mediante turbocompressore. Unità accreditate rispettivamente di 112 e 140 cv e abbinabili la prima alle sole 2WD anteriori, la seconda esclusivamente alla trazione integrale, mentre per entrambe sono disponibili il cambio manuale oppure la trasmissione automatica a 6 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Automatico, ma a doppia frizione a 6 marce, per l’unico propulsore confermato rispetto al passato, vale a dire il 1.6 turbodiesel DDiS da 120 cv destinato a S-Cross in configurazione sia 2WD sia 4WD.

SuzukiSCross1.4BoosterJet-025