Suzuki Q-Concept

Un po’ auto un po’ moto; quattro ruote e 2 posti, così Suzuki pensa alla mobilità urbana del prossimo futuro. Esposto al Tokyo Motor Show il Q-Concept si inserisce in quel filone di veicoli urbani a cui tutti i costruttori di auto (e moto) stanno puntando.

A metà strada tra le auto e le moto, ipercompatti, con quattro ruote e un tetto ma magari un posto solo o al massimo due piazzati in tandem come sulle moto. Questi i concept che si sono visti al Salone di Francoforte lo scorso settembre, a costruirli erano Opel, Volkswagen, Audi, marchi pesantissimi che pensano, giustamente, a come muovere l’uomo del futuro in città con sempre più traffico e sempre meno parcheggi. A questo tipo di veicoli pare stia pensando anche Suzuki con il Q-Concept, un mezzo di cui al momento possiamo vedere solo dei bozzetti ma che a quanto pare si potrà vedere dal vivo al Tokyo Motor Show 2011.In 2.5 metri di lunghezza Q-Concept riesce a far stare tre configurazioni differenti. Allo Stand di Tokyo si potrà vedere il Suzuki Q-Concept nella configurazione cosiddetta “tandem” che prevede il posto per due adulti allineati, la configurazione ”a freccia” prevede invece un unico sedile anteriore per il genitore e due sedili per bambini nella parte posteriore, e ancora nella configurazione “business”, il Q-Concpet è configurato come un veicolo per il trasporto merci con un unico sedile anteriore e spazio per il carico nella parte posteriore. Sarà questo il futuro della mobilità urbana? Staremo a vedere, ma intanto i prototipi che continuano a circolare ai saloni fanno presagire che sarà proprio così.