Suzuki regina delle Alpi

Saranno otto S-Cross a scortare i ciclisti che si contenderanno il prossimo Tour of The Alps, ultimo test prima della stagione dei Grandi Giri.

19 aprile 2019 - 11:47

Il connubio fra Suzuki e il grande ciclismo si consolida con la partnership che la vedrà auto ufficiale al Tour of the Alps, la gara a tappe che, dal 22 al 26 aprile, tirerà la volata al prossimo Giro d’Italia.

Questo sodalizio fa parte del piano di sponsorizzazioni che vede Suzuki sempre più impegnata nel mondo del ciclismo: la Casa è infatti main partner della Federazione Ciclistica Italiana sin dal 2016 e il suo marchio è presente sulle maglie degli atleti della Nazionale italiana. Come Official Car del Tour of the Alps 2019, la Casa di Hamamatsu fornirà otto Suzuki S-CROSS all’Organizzazione, per affiancare gli atleti lungo le impervie salite e le veloci discese del percorso. Per il terzo anno consecutivo, inoltre, Suzuki è anche auto ufficiale del Giro d’Italia Under 23.

CINQUE TAPPE DURE

Il Tour of the Alps ha raccolto, nel 2017, l’ultra quarantennale eredità del Giro del Trentino e continua a dare agli atleti la possibilità di mettere a punto la loro preparazione in vista del Giro d’Italia, con un tracciato dalle caratteristiche uniche. Il suo albo d’oro è costellato di nomi prestigiosi, che in epoca recente spaziano da Vincenzo Nibali a Cadel Evans, fino a Thibaut Pinot. Il percorso di questo 43° Tour si snoda tra i panorami mozzafiato dell’Euroregione che si sviluppa tra il Tirolo, l’Alto Adige e il Trentino.
Le tappe saranno brevi ma di grande rilevanza tecnica:

Lunedi 22 aprile: Kufstein – Kufstein (144 km)
Martedì 23 aprile: Reith Im Alpbachtal – Scena (178,7 km)
Mercoledì 24 aprile: Salorno – Baselga di Piné (106,3 km)
Giovedì 25 aprile: Baselga di Piné – Cles (134 km)
Venerdì 26 aprile: Caldaro – Bolzano (147,8 km)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Suzuki Katana Hill Climb Tour, due date per la prova su strada

Mazda MX-5 30° Anniversario, solo 3.000 esemplari numerati 

Youngtimer – Fiat Tipo, l’auto di Montalbano