Volkswagen twin UP!: ibrida Diesel da 90 km/l

L’ibrido plug-in sposa il Diesel. La city car tedesca adotta il sistema propulsivo del prototipo XL1 e percorre più di 90 km con un litro di gasolio. Autonomia di oltre 50 km in modalità esclusivamente elettrica. È una concept, ma pressoché pronta alla commercializzazione

21 novembre 2013 - 14:11

1,1 litri di gasolio ogni 100 chilometri. Vale a dire una percorrenza media di 90,9 km/l. Ovvero un saluto al benzinaio a gennaio e… ci si rivede a febbraio. La raccolta punti fedeltà diventa secolare, ma il portafoglio ringrazia. Volkswagen twin up!, svelata in occasione del Tokyo Motor Show, sfrutta il sistema ibrido plug-in Diesel del futuristico laboratorio viaggiante XL1.

Analogamente al modello in produzione (leggi la nostra prova), il propulsore endotermico è collocato anteriormente. Si tratta, nel dettaglio, di un bicilindrico common rail di 0,8 litri sovralimentato mediante turbocompressore, accreditato di 48 cv e 12,1 kgm. Unità che lavora in abbinamento a un motore elettrico da 47 cv (+20 cv rispetto a XL1) e 14,2 kgm nonché a una trasmissione a doppia frizione DSG a 7 rapporti. La potenza combinata raggiunge i 75 cv e la coppia i 21,8 kgm. I “serbatoi”, ovvero una batteria agli ioni di litio da 8,6 kWh e un contenitore da 33 litri per il gasolio, sono collocati sotto al divanetto.

Il modulo ibrido vero e proprio, composto da motore elettrico e frizione di separazione, è posizionato tra il bicilindrico e il cambio DSG; integrato, più precisamente, nel carter della trasmissione. Il propulsore a zero emissioni viene alimentato da una cella al litio ricaricabile, come ogni sistema plug-in, sia esternamente mediante la comune rete domestica sia tramite il TDI. In frenata l’unità a zero emissioni funge da alternatore, recuperando energia destinata alla batteria.

twin UP! pesa 1.205 kg, vale a dire circa 350 kg più della versione mossa dal 3 cilindri a benzina di 999 cc e quasi 70 kg più della “gemella” elettrica e-up!. Un valore relativamente contenuto che contribuisce a garantire un’autonomia di 53 km, uno scatto da 0 a 60 km/h in 8,8” e una velocità massima di 125 km/h in modalità esclusivamente elettrica. Contando anche sull’unità endotermica, la city car a 4 posti tedesca passa da 0 a 100 km/h in 15,7” e tocca i 140 km/h. Prestazioni non troppo lontane da quanto fatto registrare da up! 1.0 60 cv, accreditata di 14,4” e 160 km/h.

UP! fuori, non dentro. La strumentazione è interamente rivista e comandi, indicatori di stato e climatizzatore abbracciano un’inedita configurazione 100% digitale. Soluzione funzionale oltre che estetica, dal momento che percezione visiva e informazioni mutano in funzione della trazione (ibrida o esclusivamente elettrica) prescelta. Passando dal bianco al blu delle zero emissioni. Infine, a ulteriore testimonianza di come twin up! sia sì una concept, ma pressoché pronta a entrare in produzione, ricevono cure approfondite i sistemi sia di infotainment, gestibile mediante il touchscreen al centro della plancia, sia di climatizzazione, per la prima volta a bordo di una Volkswagen configurabile esclusivamente in digitale. Guidatore e passeggero anteriore possono così impostare temperature diverse per le singole parti del corpo. Il sistema regola infatti in autonomia temperatura, ventilazione e ripartizione dei flussi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SsangYong Korando, arriva la versione bifuel  

Kia Stonic, mild hybrid per rispondere alla concorrenza. Le novità punto per punto

volkswagen maggiolino elettrico e-kafer

Volkswagen Maggiolino e Golf I: le comprereste elettriche?