ZF Concept 2020, il quadro strumenti che riduce lo stress alla guida

In mostra al CES di Las Vegas, accresce la fiducia del conducente verso i sistemi elettronici di sicurezza

9 febbraio 2018 - 9:02

FUNZIONI SEMPLIFICATE
Al CES 2018 fa bella mostra di sé lo ZF Concept 2020, un quadro strumenti particolarmente innovativo che si prefigge di semplificare il controllo a chi guida. Questa strumentazione vuole anche accrescere la fiducia del guidatore negli ormai innumerevoli sistemi di sicurezza che “proteggono” un numero sempre maggiore di auto.


VOLO D’UCCELLO
Lo ZF Concept 2020 è ispirato agli aerei: il volante, ad esempio, è tagliato in alto e in basso per assomigliare il più possibile alla cloche di un velivolo. In pratica, il conducente ha davanti agli occhi un monitor centralizzato con vista a volo d’uccello, che lo informa dell’intervento dei sistemi di sicurezza.


AURA ATTIVA

Il display del ZF Concept 2020 sfrutta un ovale con un massimo di tre linee (Active Vehicle Aura). Se sono tutte accese il sistema interverrà rapidamente, ma con una reazione più delicata. Una sola linea indica invece che l’intervento avverrà più tardi e in modo più energico. Progettato per la guida semi-automatizzata di Livello 2 – conducente con le mani sul volante – il Concept 2020 è già pronto a recepire sistemi di guida autonoma più evoluti.
ASSISTENZA CINTURE DI SICUREZZA
Nello ZF Concept 2020 è integrato anche un sistema di controllo delle cinture di sicurezza, che comprende due “angeli custodi”: l’Active Buckle Lifter, che si occupa del sollevamento attivo della fibbia, e un arrotolatore a controllo attivo (ACR). Quest’ultimo elimina parte del gioco della cintura di sicurezza qualora una collisione risulti inevitabile. Non solo: la cintura genera insistenti pulsazioni a frequenza elevata, per informare il conducente che è necessario un suo intervento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Opel Corsa, le prime foto ufficiali

Coyote, sicurezza stradale verificata. Appuntamento ad Autopromotec

Bollo auto, le Regioni decidono sconti ed esenzioni