BMW HERO Südtirol Dolomites, il sigillo di Paez

La decima edizione ha visto la vittoria dello specialista Paez. In attesa di un 2020 che vedrà la Hero anche a Dubai e in Thailandia

17 giugno 2019 - 9:12

Sono partiti sabato 15 mattina da Selva Val Gardena in più di 4.000, per la loro Hero. Ha trionfato per la sesta volta un dominatore di questo genere di competizioni, il colombiano Leonardo Paez (Team Mabe ASD). Ha chiusi in 4 ore, 30 minuti e 52 secondi un percorso massacrante ma di incomparabile bellezza, visto che tocca i passi Gardena, Campolongo, Pordoi e Duron, per un totale di 4.500 metri di dislivello lungo 86 chilometri di sentieri.

Paez: “Sono molto contento per questa vittoria, la sesta. Oggi non era facile vincere, ma avevo una buona gamba e sono andato via subito sulla prima salita, su un tratto un po’ duro. In realtà non volevo andar una fuga solitaria, ma il terreno era scivoloso e gli avversari, in un certo punto in salita, hanno fatto un’altra traiettoria: da lì ho guadagnato qualche metro e ho tenuto, visto che gli altri si staccavano e così sono andato via. La mia tattica di gara prevedeva di avere un distacco sufficiente per prendere la prima discesa dal passo Gardena un certo vantaggio, e ce l’ho fatta, poi però, nella discesa dal Duron, mi sono fidato troppo e in una curva sono scivolato, procurandomi qualche escoriazione al braccio e alla gamba, ma niente di grave“.

Alle spalle di Paez ha chiuso lo svizzero Urs Huber della formazioneTeam BULLS, terzo gradino del podio per Diego Alfonso Arias Cuervo, compagno di squadra del vincitore nel team MABE ASD, al traguardo nel tempo di 4:35.31.

Tra le donne, che si sono date battaglia sul percorso di 60 chilometri con 3.200 metri di dislivello e hanno rappresentato il 5% degli iscritti, un dato molto significativo, ha vinto Mara Fumagalli (A.S.D. EVOLUTION TEAM) in 3:54.15, davanti alla finlandese Sini Alusniemi del team Augment Sports in 3:55.40 e a Katazina Sosna.

Fumagalli: “Ci tenevo tantissimo a vincere la HERO in maglia tricolore e finalmente ce l’ho fatta: per me è una grandissima vittoria e vale quasi come un mondiale. Rispetto allo scorso anno ho avuto molta più motivazione e sono arrivata ben preparata, la volevo vincere a tutti costi“.

Una delle grandi novità del 2020, in attesa dell’undicesima edizione della BMW HERO Südtirol Dolomites (20 giugno), è il lancio delle HERO World Series 2020. Il primo appuntamento sarà molto lontano dalle Dolomiti, precisamente a Hatta nel deserto di Dubai, dal 6 all’8 febbraio 2020, con una terza tappa a Chiang Rai, nel nord della Thailandia, dall’8 al 10 ottobre 2020.

Infine una nota su un partecipante molto speciale: Ned Overend, uno dei pionieri della mountain bike, campione del mondo a Durango nel 1990, ha corso in sella alla sua Specialized e ha chiuso in 6: 13’05” a ben 64 anni di età.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cadex, figlio di Giant

Giant Stance 29, più Trail per tutti

Single speed, quando la fatica non è abbastanza