Leatt, dal Sudafrica con stile

Sicurezza e comfort posso essere ottenute con stile. La sudafricana Leatt, rinomata nel mondo dell'off-road per le sue protezioni, sa come si fa.

18 marzo 2019 - 12:00

L’abito non fa il monaco, recita il proverbio. O forse sì, o forse solo un po’… Nel dubbio, meglio essere sempre un po’ stilosi e se ciò che si indossa è anche ben fatto, pratico e comodo, allora “viva l’abito“!

Jacket DBX 5.0

La collezione 5.0 firmata da Leatt, è quella al top in fatto di protezione e la giacca DBX presenta anche una nuova tecnologia in attesa di brevetto: il Magnetic Hood System, un sistema composto da 4 calamite: tre sono integrate e cucite direttamente sulla giacca, la quarta è dotata di un adesivo e può essere applicata direttamente sul casco. Il Magnetic Hood System permette di scegliere se ripiegare il cappuccio dietro al collo, toglierlo, oppure tenerlo fissato al casco in modo che mantenga la posizione e non sia di intralcio anche quando si pedala veloci. Dotata di tasche e aperture regolabili per la ventilazione, abbina grande confort e funzionalità.

Shorts DBX 3.0

Costruiti con tessuto stretch, comodi e perfetti per un utilizzo quotidiano, la versione 3.0 è quella più leggera in catalogo. Il materiale con cui sono realizzati ha un trattamento idrorepellente, anti sporco e anti macchia (se non ci pulite le mani sporche di grasso di catena è meglio…), hanno cuciture rinforzate e inserti in rete che servono a regolare la ventilazione e, quindi, la temperatura interna. In vita hanno un rivestimento morbido e posteriormente un inserto antiscivolo; sono precurvati per un fitting ottimale quando si indossano le protezioni.

Glove DBX 2.0 X-Flow

Parola d’ordine, ventilazione. Obiettivo raggiunto grazie all’impiego di un tessuto stretch estremamente leggero e traspirante. Confortevoli e minimalisti, hanno inserti anti abrasione microiniettati 3D Brush Guard nella zona delle nocche, palmo realizzato con tecnologia MicronGrip, che permette di contenere gli spessori e avere grande grip e feeling sia in condizioni di asciutto sia di bagnato.

Knee Guard 3DF 5.0 Zipped

La differenza la fa l’aggettivo finale… La caratteristica di queste ginocchiere (morbide e ben ventilate) la fa infatti la zip posteriore, che permette di indossarle e toglierle comodamente, anche con le scarpe ai piedi. Sono una evoluzione delle apprezzate 3DF 5.0, più semplice a dirsi che a farsi, perché la zip deve nel contempo essere resistente e funzionale ma morbida e neutra nei movimenti della gamba.

Helmet DBX 3.0 Enduro

Il plus di questo casco è la mentoniera amovibile (con un sistema di aggancio pratico e veloce), che lo rendono comodo da indossare anche quando c’è da pedalare o da spingere e si sente l’esigenza di avere più aria sul viso per respirare meglio ed essere liberi nei movimenti. Il guscio è costruito con un composto di polimeri, è leggero e super ventilato (grazie a 23 prese d’aria), anche a bassa velocità. Per massimizzare le sue caratteristiche di protezione è stato sviluppato un sistema che riduce l’energia trasmessa alla testa in caso di impatto: la tecnologia sviluppata da Leatt si chiama 360 ̊ Turbine Technology e prevede l’impiego di una serie di dischi, costruiti con materiale assorbente e capaci di ruotare a 360°, con cui è fissata l’imbottitura interna: questa soluzione è finalizzata a ottenere sia la riduzione dell’accelerazione rotazionale di testa e cervello, sia l’assorbimento dell’energia generata da un impatto. Anche il frontino è realizzato con attenzione alla sicurezza ed è infatti pensato per staccarsi in caso di impatto, riducendo ulteriormente il rischio di torsioni; il DBX 3.0 adotta il pratico sistema di aggancio/sgancio magnetico Fidlock®.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Taurus, la bici più veloce del mondo

Colnago E64, nuova energia

Compex SP 8.0, non solo recupero – Parte 3