Una bella scoperta: la Carinzia sui pedali

Durante l’estate è il regno delle escursioni su strada e off-road. Pedalare in Carinzia è un'esperienza unica, grazie ai panorami che si riflettono nei 200 laghi dalle acque limpide e grazie soprattutto agli itinerari adatti a tutte le gambe

21 aprile 2015 - 21:04

Ce n’è per ogni esigenza, dalle gite fuori porta insieme alla famiglia e con i bambini, alle salite più toste che mettono a dura prova i quadricipiti dei ciclisti più preparati. E a sancire la vocazione ciclistica della Carinzia, anche tre tra le più rinomate manifestazioni che questa regione austriaca dedica ai patiti della bicicletta: l’Alpe Adria Bike Festival, la maratona ciclistica di Bad Kleinkirchheim e il Grossglockner Bike Challenge.

Alpe Adria Bikefestival – 19/21 giugno 2015
L’Alpe Adria Bikefestival, giunto quest’anno alla seconda edizione, ha luogo nella regione carinziana di Villach, a pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio. Uno dei momenti clou dell’evento è la granfondo Alpe Adria, di 165 chilometri, in programma sabato 20 giugno con partenza e arrivo da Villach e transito da Tarvisio, dove inizia la prima salita impegnativa verso il Passo Predil. Oltre il valico i concorrenti si lanceranno in una discesa mozzafiato fino a Bovec, in Slovenia e nella meravigliosa valle dell’Isonzo (Soča). Alle sorgenti di questo fiume inizia una vera sfida: il Vršič. Con i suoi 52 tornanti offre emozioni intense e panorami mozzafiato. Si scende quindi a Kranjska Gora, da dove il percorso prosegue per poi rientrare in Carinzia. Gli ultimi chilometri della granfondo si snodano lungo l’azzurro lago Faakersee, già caldo e balneabile nel mese di giugno. Ma non finisce qui, perché il giorno successivo, domenica 21 giugno, toccherà ai biker sfidarsi nella Alpe Adria Mountainbike, un tour di 100 chilometri nelle tre nazioni confinanti che, partendo dal lago Faaker See, sale fino al passo Jepcasattel dove si varca il confine con la Slovenia. Da qui inizia un lungo tratto di entusiasmante downhill, prima di raggiungere il fondo valle a Kranjska Gora; lungo un percorso facile e tranquillo si segue la valle Planica per arrivare a Tarvisio, che si raggiunge dopo aver toccato gli stupendi laghi di Fusine. Qui, ai piedi delle Alpi Giulie, ultimo pieno d’energia prima di affrontare la via del ritorno in Carinzia. Oltre alle due gare, il programma del festival prevede tanti eventi collaterali, musica dal vivo, un mercatino a tema ciclistico e un criterium nel centro di Villach (venerdì 19 giugno), aperto a tutti.

Per info

 

Maratona ciclistica di Bad Kleinkirchheim – 5 luglio 2015
Il primo weekend di luglio si svolgerà la 7° edizione della granfondo di Bad Kleinkirchheim, una fra le manifestazioni più amate nel panorama del ciclismo austriaco. Il tracciato prevede salita all’alpe Nockalm e discesa verso il lago Millstättersee, uno dei tracciati più belli d’Europa grazie allo splendido territorio in cui si snoda. Due sono i percorsi tra cui scegliere: uno breve, ad anello, di 60 km e uno lungo di 106 km. Spazio anche ai più piccoli con la gara a loro dedicata prevista per sabato 4 luglio. Per garantire relax e riposo ai corridori, ma anche per accogliere al meglio i loro accompagnatori, saranno aperti per l’occasione i bagni termali Römertherme.

Per info

 

Grossglockner Bike Challenge – 18 luglio 2015
Quest’anno si svolgerà la prima edizione del Grossglockner Bike Challenge, manifestazione che si affianca alla celebre Grossglockner Berglauf. I ciclisti avranno l’occasione di vivere il mito del Grossglockner e ammirare lo spettacolo naturale della catena degli Alti Tauri. L’itinerario, lungo 17,3 km, partirà da Heiligenblut per arrivare fino a Quota Imperatore Francesco Giuseppe, dopo aver scalato 1354 metri di dislivello. Come nella tredicesima tappa del Giro d’Italia del 2011 il traguardo è posto proprio sotto il Grossglockner, a quota 2.365 metri e proprio per questo il Grossglockner Bike Challenge sarà un evento assolutamente imperdibile per tutti i grimpeur.

Per info

Info: www.carinzia.at

Foto @Kärnten Werbung

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

CES 2020, la guida autonoma secondo ZF

Scott eRide
82 bici a pedalata assistita

Giant Glory Advanced
sfida al vulcano