Z Alpha, comfort o velocità?

Il top di gamma rh+ promette ventilazione e aerodinamicità, lo abbiamo messo alla prova alla 12H Cycling Marathon. Costa 164,90 euro.

11 luglio 2016 - 17:07

COS’È
Zα è il casco top di gamma rh+, estremamente ventilato con la caratteristica di poter essere trasformato in aero grazie a un coperchio da inserire nelle feritoie frontali, che aumenta anche la protezione in condizioni di brutto tempo o freddo.

UTILIZZO
Destinato a un impiego road, è dedicato a quei ciclisti che pedalano con ogni tempo e che amano indossare gli stessi accessori utilizzati dai professionisti.

COM’È FATTO
Disegnato sulla scorta del Plane Advanced Design di rh+, ne estremizza le caratteristiche di aerodinamica senza nulla togliere alla ventilazione. Il processo costruttivo si avvale della tecnica del co-stampaggio, che permette di stampare nello stesso tempo la calotta esterna in policarbonato termoformato e la calotta interna in EPS. Anche l’anello è in policarbonato co-stampato per assicurare alla struttura una migliore resistenza meccanica in caso di impatto e anche per prevenire abrasioni e graffi dovuti al normale utilizzo.

Il sistema di ritenzione è il Power Fit Evo, una evoluzione del Power Fit 2 che, oltre a un design più essenziale, offre un migliore sostegno della nuca e quindi calzata e comfort di livello superiore rispetto al passato. L’imbottitura interna, realizzata in tessuto anallergico rh+ Fire Dry a cellule aperte 3D, è costruita in un pezzo unico ed è amovibile e lavabile. Nelle zone più visibili del casco sono applicati adesivi rifrangenti, per la massima visibilità e sicurezza anche in condizioni di luminosità ridotte. Nella confezione sono compresi il coperchietto per chiudere l’ampia presa d’aria anteriore (del peso di 20 grammi) e una custodia in microfibra. Disponibile in 5 varianti grafiche e due taglie (XS/M, da 54 a 58 cm, e L/XL, da 58 a 62 cm) ha un prezzo di 164,90 euro. Disponibile anche in versione con sistema di ritenzione MIPS, a 204,90 euro.

IL GIUDIZIO DI RED
Quale miglior terreno di prova di una gara come la 12H Cycling Marathon di Monza, per provare un casco che promette aerazione e aerodinamica… Lo sforzo intenso, le condizioni meteo mutevoli e la ricerca della velocità rappresentano esattamente le situazioni tipo per le quali è stato studiato lo Z Alpha. Ma andiamo con ordine: buona la calzata che, grazie al sistema Power Fit Evo, consente di fissarlo bene, senza costruzioni; pratico anche il divider laterale, che permette di regolare in modo veloce e intuitivo il passaggio dei cinghietti intorno alle orecchie e, di conseguenza, la posizione sulla testa. L’aerazione è buona (abbiamo avuto modo di valutarla anche in queste giornate di caldo opprimente) e la configurazione aero efficace. Certo, non stiamo parlano di un casco da cronometro, ma la feritoia anteriore è ampia e la sua copertura si fa sentire. Noi l’abbiamo apprezzata anche con la pioggia e la pista bagnata, condizione in cui offrire all’acqua meno possibilità di bagnarci la testa e colare sugli occhi è una condizione piacevole… Con il freddo non abbiamo avuto l’occasione di provarlo, ma presumiamo che l’efficacia protettiva sia paragonabile.
Sulla nostra bilancia lo Zα, in taglia XS-M, ha fatto segnare 250 grammi, che diventano 270 in versione aero, meno di quanto dichiarato dalla scheda tecnica….

 

 

CONTATTI
Zero Industry srl
www.zerorh.com
Facebook
Twitter 
Instagram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott eRide
82 bici a pedalata assistita

Giant Glory Advanced
sfida al vulcano

#TUBIKE l’inverno non fa paura