Harley-Davidson Project LiveWire, l’elettrica!

La Casa americana sperimenta la trazione elettrica con un inatteso prototipo, che sarà provato dai potenziali clienti (per ora solo americani), per delineare insieme il futuro del progetto

19 giugno 2014 - 18:06

Il rumore? Quello "di un caccia al decollo da una portaerei". Il Project LiveWire sembra partire con il piede giusto, quello dell'emozione più che della mera funzionalità. E anche il percorso di sviluppo, incentrato su una Experience – concetto molto caro ad Harley-Davidson -, sottolinea la volontà dell'azienda di ascoltare gli appassionati del marchio, lasciandosi guidare nella definizione di una moto che è destinata a irrompere con fragore nella gamma delle bicilindriche americane. Project LiveWire non è un prodotto di serie, quindi per ora non è in vendita, né ci sono indicazioni sulle caratteristiche tecniche e sui tempi di commercializzazione. Il prototipo, infatti, sarà la piattaforma dei test ride che vedranno protagonisti i clienti potenziali, nel corso di un tour che già quest'anno si snoderà tra la celebre Route 66 e oltre 30 concessionarie ufficiali sul suolo americano. Nel 2015 l'Experience arriverà in Canada e in Europa. In base all'esito dei test ride e ai pareri raccolti verrà definita l'eventuale pianificazione produttiva. La mossa di Harley-Davidson, indubbiamente poco attesa, giunge da un'azienda che ha fatto del rispetto della tradizione uno dei suoi punti di forza. E che, per inciso, viene normalmente considerata "conservatrice"… In realtà, visto che tra le big soltanto BMW ha sperimentato la produzione di serie di un veicolo elettrico, con il recentissimo C Evolution, è evidente che molte superficiali valutazioni vadano riviste, a favore della capacità di Harley di rinnovare, crescere e sperimentare.

“L’America ha sempre dato il suo meglio quando si è trattato di reinventarsi,” queste le parole di Matt Levatich, President e Chief Operating Officer di Harley-Davidson Motor Company, “e come per l’America, Harley-Davidson si è reinventata più volte nella sua storia anche grazie al contributo dei clienti che ci hanno accompagnato in ogni momento. Project LiveWire è un altro esaltante momento nella nostra storia costruito insieme a loro. Tutto questo conferma la capacità di reinventarsi da parte di Harley-Davidson. Negli ultimi anni abbiamo allargato la nostra offerta per rivolgerci a un sempre più ampio pubblico, così come abbiamo reinventato il nostro approccio allo sviluppo e alla produzione dei nuovi modelli. Il risultato sono stati i recenti lanci di prodotti innovativi come il Project Rushmore, la Street 750 e 500 e infine il Project LiveWire.”

“Con Project LiveWire è come essere davanti alla prima chitarra elettrica” ha dichiarato Mark-Hans Richer, Senior Vice President e Chief Marketing Officer di Harley-Davidson Motor Company, “è un’espressione di individualità e stile iconico ed è anche elettrica. Project LiveWire è un forte segnale da parte nostra, come azienda e come brand". Come detto, il suono avrà un ruolo di primo piano nella caratterizzazione della moto, in controtendenza decisa con il presunto valore della "silenziosità", finora perno della comunicazione sui veicoli elettrici. Le parole di Richter: “Il sound è un elemento distintivo […], è stato pensato per essere differente rispetto a quello dei motori a combustione interna e dalle altre motociclette elettriche sul mercato.”.

Sul sito www.projectlivewire.com, come sui profili Facebook, Twitter e Instagram, Harley-Davidson permetterà di seguire questo interessantissimo progetto. La dimostrazione ulteriore, dopo le innovazioni di Project Rushmore, di quanto la Casa americana sia proiettata nel futuro.
 

http://youtu.be/t6F8O5A__Ds

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Coronavirus, Suzuki: continuano le promozioni su moto e scooter

Le migliori moto economiche (meno di 6.000 euro)

KTM 890 Duke R

KTM 890 Duke R
È lei la più raffinata?