KTM 990 Super Duke R 2012

La KTM Super Duke R 2012 arriva ad unire le due anime della naked di Mattighofen. E' proposta in un’unica versione R dotata però di una sella biposto. Disponibile da febbraio 2012 a 11.995 euro franco concessionario

13 dicembre 2011 - 7:12

Razionalizzazione della gamma: con questo obiettivo KTM ha fatto un bel regalo agli appassionati. Sì, perché la KTM 990 Super Duke 2012 è disponibile in versione unica. Si tratta in pratica della R, che mantiene sostanzialmente tutte le caratteristiche della cattivissima versione R, ma monta una nuova sella biposto.

confermatissimo:il motore si tratta del bicilindrico LC8 da 990 cc, il più leggero al mondo nella sua categoria con 58 kg di peso dichiarato. Per questo bicilindrico a V di 75° cambia però la potenza massima, che scende leggermente da 132 a 125 cv, con l’obiettivo di addolcire l’erogazione e rendere più fruibile la moto senza però perdere più di tanto in performance.

Il telaio della KTM Super Duke 2012 è quello conosciuto di tutte le KTM LC8, ovvero un traliccio in tubi di acciaio al CrMo. In questo caso ha misure piuttosto radicali, con il cannotto di sterzo inclinato di soli 22,7° segno di una ricerca quasi esasperata di agilità. Forcella e ammortizzatore rimangono i pregiati WP, regolabili nella funzione elastica e idraulica. L’ammortizzatore permette di regolare addirittura la risposta alle alte e alle basse velocità di attuazione: un’opportunità solitamente riservata soltanto ai modelli supersportivi.  

Di serie c’è anche l’ammortizzatore di sterzo regolabile, a sottolineare ancora una volta come questa versione unica per il 2012 sia di fatto la KTM Super Duke R dello scorso anno. Ma con un’ampia (e comoda) sella biposto. La bella notizia è poi che la R pur offrendo in pratica le stesse cose della precedente costerà meno. Esattamente 11.995 € franco concessionario.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kymco Agility 300i ABS: versatile e potente

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

KSR Group, un mondo a due ruote