Kymco F9, la città è il suo regno

La Casa taiwanese svela un nuovo scooter elettrico grintoso e compatto. Il suo asso nella manica è un innovativo cambio a due rapporti, che permette di sfruttare al meglio i 9,4 kW di potenza. L’autonomia dichiarata è di 120 km

I mezzi elettrici fanno spesso discutere gli appassionati, ma c’è una cosa che mette d’accordo più o meno tutti: il loro habitat naturale sono la città e le periferie. E proprio i percorsi urbani saranno il terreno ideale del nuovo Kymco F9, che la Casa taiwanese ha presentato con un evento online, una prassi consolidata dopo l’annullamento di EICMA. La personalità non gli manca e ha anche diverse soluzioni tecniche interessanti, che meritano di essere scoperte.

CHE GRINTA!

Alcuni scooter elettrici sfoderano un’aria sobria ed elegante, come se l’obiettivo di rendere più respirabile l’aria delle città imponesse loro un certo aplomb. Il Kymco F9 è invece di tutt’altra pasta, con una linea molto sportiva. La parte frontale, dominata da una coppia di fari a LED, ha tagli geometrici netti, mentre sul fronte opposto c’è un codino minimalista, degno di una superbike. Con uno stile così e il monoammortizzatore in posizione centrale, l’F9 dice addio al vano sottosella, al contrario di quanto accade per esempio con il BMW Motorrad Definition CE 04.

UNA VERA PRIMIZIA

Perché la parte più massiccia del Kymco F9 sia quella centrale è presto detto. Un telaio tubolare sostiene infatti un pacco batterie agli ioni di litio, da 17 kg. Gli accumulatori alimentano un motore elettrico da 9,4 kW (pari a circa 12,8 cv) che si trova dietro l’elaborata piastra metallica cui sono fissate anche le pedane. La trasmissione conta su un innovativo cambio a due rapporti, una vera primizia per questo tipo di veicoli, mentre a muovere la ruota provvede poi una cinghia dentata.

DIAMO I NUMERI

Quanto alle prestazioni, grazie anche a un peso di soli 107 kg, il Kymco F9 scatta da 0 a 50 km/h in 3 secondi netti, allunga all’occorrenza fino a toccare una velocità massima di 110 km/h e ha un’autonomia di 120 km nel ciclo NEDC. Esaurita la carica, questa può essere ripristinata in un paio d’ore grazie a una wallbox o a una colonnina.