Triumph Tiger 900
la media che sfida le maxi

Completamente nuova, dal telaio al motore, dall'elettronica alle sospensioni, la nuova Tigerina potrebbe dare fastidio anche a qualche maxienduro.

3 dicembre 2019 - 20:00

Della baby adventure lanciata nel 2010, la nuova Triumph Tiger 900 conserva solo il nome. Si tratta infatti di una vera rivoluzione, che parte dal motore e si estende a telaio, sospensioni, tecnologia e, naturalmente, linee.

MOTORE PIÙ PERFORMANTE

Cominciamo dal motore, il tre cilindri in linea da 888 cc cresce di cilindrata ed è conforme alla normativa Euro 5. Gira con una sequenza di accensione dei cilindri 1,3,2, per avere ancora più personalità e carattere, con un diverso rumore in aspirazione e una spinta più consistente ai bassi regimi.
Il nuovo motore ha una coppia massima pari a 87 Nm a 7.250 giri, superiore del 10% rispetto alla Tiger 800 che è stata una delle protagoniste della nostra Comparativa maxi Enduro dello scorso anno, più corposa ai bassi regimi e più piena lungo tutto l’arco di erogazione. Se il picco di potenza massima è confermato a 95 cv a 8.750 giri, cresce invece del 9% ai medi regimi. Il risultato finale si traduce in un’accelerazione più esuberante e una ripresa in sesta marcia molto più pronta rispetto alla generazione precedente.
Diminuiscono invece le dimensioni del nuovo radiatore, più efficiente in termini di raffreddamento del motore e di calore trasmesso al pilota. Inoltre, la nuova configurazione ha permesso di spostare il motore in avanti, migliorando la posizione del baricentro, la distribuzione dei pesi e, di conseguenza, la maneggevolezza e l’equilibrio alle basse velocità.

TELAIO E SOSPENSIONI AL TOP

Di alto livello anche la ciclistica, che si basa su un nuovo telaio modulare, più leggero, con telaietto posteriore e pedane del passeggero imbullonate. Le sospensioni hanno un setting su misura, per offrire la massima versatilità di utilizzo, ed è contemplata l’opzione di montare un mono ammortizzatore regolabile elettronicamente, che consente al pilota di intervenire su precarico e smorzamento. In questo caso, scegliendo tra nove livelli di smorzamento – che vanno da Comfort a Sport – e quattro di precarico. L’impianto frenante è di prima qualità, grazie alle pinze monoblocco Brembo Stylema, leggere e compatte. Il nuovo design consente un maggiore flusso d’aria intorno alle pastiglie dei freni, che aiuta le pinze a raffreddarsi più rapidamente per prestazioni ancora più costanti.
Questa combinazione di nuovi elementi ha portato a un alleggerimento generale, con la conseguenza di un miglioramento anche in termini di agilità e versatilità.

COMFORT, ERGONOMIA, VERSATILITÀ

La nuova gamma Tiger 900 è stata migliorata anche per i lunghi viaggi, grazie ad un nuovo serbatoio da 20 litri e al parabrezza regolabile con una sola mano, che offre una protezione aerodinamica più efficace. Novità anche in fatto di ergonomia, per assicurare il massimo comfort: la sella è più stretta, mentre il manubrio è più vicino di 10 mm, per un migliore controllo. Inoltre, ogni versione ha una posizione delle pedane dedicata e una regolazione della sella in due livelli che consente di modificare l’altezza della seduta di 20 mm.

TANTA TECNOLOGIA

Per essere al passo con le nuove tendenze e le richieste del mercato, la nuova Tiger 900 si aggiorna anche sotto il profilo della tecnologia di bordo. Dispone ora di strumentazione TFT da 7” con quattro layout grafici, sistema di connettività My Triumph integrato, ABS e controllo di trazione (disinseribili) con funzione cornering, fino a sei riding mode: Rain, Road, Sport, Rider, Off-Road, Off-Road Pro, nuovo cambio elettronico Triumph Shift Assist, illuminazione full-LED, con DRL e ricarica USB sottosella.

ACCESSORI PER OGNI STILE

Come consuetudine Triumph, anche per la nuova Tiger 900 sono stati pensati moltissimi accessori – più di 65 – comprese due linee di valigie create in collaborazione con Givi. Inoltre, per facilitare la scelta, si è deciso di configurare due pacchetti completi: il kit “Trekker” per esaltare la vocazione turistica e il kit “Expedition” dedicato agli appassionati di avventure off-road.

STRADA E OFF-ROAD

La nuova Tiger 900 sarà disponibile in tre versioni: base, GT e Rally. Le prime due, orientate alla strada e pensate per tutto ciò che sta fra il commuting urbano e i lunghi viaggi. La Rally, come lascia intendere il nome, è stata invece progettata per sentirsi a proprio agio fuoristrada e per stupire anche nell’off-road impegnativo. Si differenzia per la ruota anteriore da 21” e le sospensioni firmate Showa, con escursione maggiorata di ben 60 mm, che raggiungono quota 240 mm all’anteriore e 230 mm dietro. Inoltre, per quanto riguarda le versioni GT e Rally, saranno disponibili anche in configurazione Pro, caratterizzate da una dotazione di serie più ricca e completa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

giacomo-agostini-museo

Giacomo Agostini, la leggenda del motociclismo ha il suo museo 

BMW Big Boxer
Il motore del futuro che guarda al passato

Dunlop Mutant
Versatilità massima