Premier Dragon Evo Titanium Bayliss

L'australiano ha scelto il "made in Italy" di Premier. Peso contenuto in circa 1.200 grammi, grafiche dedicate e una spiccata efficacia aerodinamica, il Dragon Evo Titanium Bayliss è già in vendita a 655 euro IVA inclusa

13 dicembre 2011 - 11:12

Il casco più avanzato della gamma Premier è stato scelto dal grande Troy Bayliss, il più amato tra i campioni mondiali Superbike del recente passato grazie ai suoi tre titoli e a uno stile di guida esaltante. Si chiama Dragon Evo Titanium Bayliss, proprio in omaggio all’australiano, che ha studiato con lo staff della Casa italiana anche le grafiche, grintose ed eleganti.

La calotta è realizzata da Premier con una combinazione di materiali denominata TVC Titanium-Vectran-Carbon, con aggiunta di fibre aramidiche. Questo mix, di cui la Casa italiana detiene l’esclusiva nel settore dei caschi per motociclismo, è particolarmente leggero e resistente: viene stampato con il sistema “bag moulding” e con l’utilizzo di resina epossidica. Il risultato più evidente del processo costruttivo appena descritto è il peso ridotto, soltanto 1.200 grammi: il Dragon Evo Titanium è quindi a pieno titolo uno dei caschi più leggeri sul mercato. 

Per il modello 2012, presentato il mese scorso all’EICMA di Milano, la calotta è stata ridisegnata per migliorare ulteriormente l’aerodinamica, una delle qualità più apprezzate da Bayliss, che utilizza il casco Premier nelle numerose attività di test che svolge per Ducati; inoltre sono state aggiunte alcune nervature per aumentare la resistenza agli urti.

Riprogettazione anche per il sistema di ventilazione, con due prese d’aria regolabili, rispettivamente sulla mentoniera e nella zona frontale della calotta; in combinazione con l’estrattore posteriore, le prese d’aria garantiscono la massima ventilazione dell’interno, a beneficio della temperatura e della visibilità.

Il Premier Dragon Evo Titanium Bayliss è proposto nelle da XS a XXL e costa 655 euro IVA inclusa. Altre informazioni sul sito ufficiale www.premier.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Confronto Maxi Naked 2019

KSR Group, un mondo a due ruote

Kawasaki Z H2, la prima nuda supercharged