2  LIVE  

Non è la prima volta che Harley-Davidson prova a intercettare motociclisti dall’approccio particolarmente versatile. Quelli, per intenderci, che la loro bicilindrica americana la vogliono usare con gli amici, nel classico giro della domenica, ma che allo stesso tempo non intendono abbandonarla per affrontare tragitti più impegnativi, magari in due. Oggi la risposta della Casa di Milwaukee ha le forme equilibrate e la dotazione funzionale della Harley-Davidson Sport Glide.

Cupolino e minuscolo plexiglas, borse laterali: sono questi i componenti che è possibile smontare in pochi minuti, e rigorosamente senza attrezzi, per trasformare la moto da tourer a custom. Il miglior impatto estetico sembra essere quello che prevede di lasciare in garage cupolino e borse, valorizzando i volumi classici della moto. Ma anche con gli accessori da viaggio il carattere stilistico resta efficace e coinvolgente.

La famiglia è quella delle Softail, ossia la parte della gamma che negli ultimi anni è stata rinnovata in profondità e arricchita di nuovi modelli. Si tratta di una piattaforma multiforme, dato che spazia dalla Street Bob alla recentissima FXDR 114, passando per Fat Boy, Breakout ed Heritage Classic. Moto molto diverse, cui la Sport Glide in un certo senso si ispira nel suo tentativo di assecondare esigenze e destinazioni diverse.

Proposta a partire da 18.500 euro, monta il bicilindrico Milwaukee-Eight 107 (1.745 cc, 100 mm di alesaggio e 111 mm di corsa), il V2 che ha permesso ad Harley di traghettare le sue moto nel nuovo contesto storico, caratterizzato da limiti alle emissioni sempre più severi (spesso senza motivo) e da motociclisti tendenzialmente meno inclini ad accettare compromessi in termini di dolcezza di erogazione, coppia e facilità d’uso. Progettato ex novo e lanciato ufficialmente nel 2016, il bicilindrico a V di 45° è proposto in due cilindrate, 107 e 114 (1.870 cc) e monta una nuova testata a quattro valvole per cilindro, rapporto di compressione incrementato e maggiore efficienza generale, senza dimenticare le prestazioni, con la coppia che tocca 153 Nm. Le testate del motore utilizzato sulla Sport Glide sono raffreddate ad olio nella zona delle valvole di scarico, ma esistono versioni del Milwaukee-Eight raffreddate a liquido, destinate alle ammiraglie della gamma. Facile distinguere le differenti soluzioni tecniche utilizzate: il raffreddamento a liquido, infatti, presuppone l’impiego di due superfici radianti, disposte simmetricamente ai lati del motore. Due è anche il numero delle candele per cilindro, a beneficio di una combustione efficiente e quindi della riduzione dei consumi. Uno solo, invece, l’albero a camme per cilindro: è disposto nel basamento e non nella testata. Un contralbero permette di ridurre le vibrazioni fino al 75%. Rivista infine tutta la trasmissione, per migliorarne la funzionalità e ridurre allo stesso tempo il rumore.

Il motore è fissato su supporti rigidi alla ciclistica Softail, che si caratterizza per la forcella a steli rovesciati e per l’ammortizzatore regolabile nel precarico della molla e collegato al forcella tramite schema monoshock.

Indietro