L’EICMA è la fiera delle nuove moto, certo, ma anche di tutto ciò che è accessorio, come l’abbigliamento. Tra i capi esposti al Salone di Milano c’era la nuova Sixs Merinos Wool Lupettomaglia a manica lunga per combattere il freddo più rigido.

Six2 Merinos Wool Lupetto intera

CONTRO IL FREDDO C’È LUPETTO

La Sixs Merinos Wool Lupetto è una maglia intima in lana di Merino (da cui il nome) ma non solo: il materiale finale, chiamato Carbon Merinos Wool, è un mix ben calibrato di tante componenti. A contatto diretto con la pelle, infatti, c’è il polipropilene, morbido e idrofobo (non assorbe liquidi: ottimo per il sudore), mentre la lana Merino, più ruvida e ispida rispetto ad altri filati, è all’esterno: assicura la resistenza al freddo. Infine c’è il carbonio che ha molteplici vantaggi: aiuta nella termoregolazione, migliora la circolazione corporea, è antistatico e batteriostatico (combatte i cattivi odori). Il mix finale è particolarmente leggero, con 164 grammi per mq. Proposta nella sola colorazione grigia, la Sixs Merinos Wool Lupetto (che fa parte della linea Merinos) è disponibile nelle taglie dalla S alla 3XL e costa 81 euro.

CONDIVIDI
Alessandro ha 14 anni quando il suo migliore amico si presenta sotto casa con un MBK Booster fiammante, elaborato che manco quelli da trofeo. Ale non sta nella pelle, lo vuole provare subito. L’amico glielo concede raccomandando la massima cautela perché “l’ho appena preso”. La sequenza successiva è: 30 metri con le due ruote a terra, impennata, cappottata e perdita probabile di una amicizia. Da quell’esperienza Alessandro poteva capire due cose: Le moto non facevano per lui. Le moto sarebbero state il suo futuro. Purtroppo ha capito quella sbagliata e ce lo siamo ritrovati a RED. Da quando ha 22 anni, tra un esame e l’altro della facoltà di Ingegneria meccanica (poi terminata con la Laurea) ha iniziato a provare moto di ogni genere: dallo scooter (memore della sua fantastica prima esperienza) alle supersportive da gara, passando per custom, enduro e bagger da 400 kg. Sempre con la voglia di raccontarle e sempre tenendo a mente l’espressione stupita (ancora non sappiamo se felice) del suo amico (incredibilmente rimasto amico) in quel fatidico pomeriggio. Oggi a RED prova e racconta ancora moto di ogni tipo. E non impenna (quasi) più.