Suzuki Bandit 650SA

6.990 euro più le spese di immatricolazione: è questo il prezzo di lancio della Bandit 650 SA, che torna sul mercato con la sua carica di concretezza e facilità d'uso. Per la città e per le vacanze. Su ordinazione, nelle concessionarie da gennaio 2012

29 novembre 2011 - 6:11

Dici Bandit e pensi a una fortunata genia di moto, che dal 1989 solcano le strade proponendo al motociclista  una ricetta semplice: motore quattro cilindri in linea, potenza adeguata ma non eccessiva, linee semplici, concretezza e facilità di guida. L’epopea Bandit, che ha conquistato molti appassionati – per la precisione 431.000 escluso il Giappone – torna dunque nelle concessionarie, su ordinazione, da gennaio 2012. 

In principio furono 400 cc. Nel 1995 la cilindrata era già cresciuta a 600 cc, con raffreddamento misto aria-olio SACS (Suzuki Advanced Cooling System); dieci anni più tardi, un altro incremento, fino a 650 cc. Il motore dell’attuale versione è un affidabile quattro cilindri in linea, raffreddato a liquido, capace di 85 cv di potenza massima a 10500 giri/min e di 61,5 Nm di coppia. La distribuzione è a 4 valvole per cilindro, bialbero a camme in testa, con sistema di iniezione SDTV (Suzuki Dual Throttle Valve) che sfrutta doppie valvole a farfalla per ottenere un’erogazione quanto più possibile dolce e regolare. Il sistema ISC, inoltre, controlla il minimo e permette avviamenti pronti anche a freddo.

Sul fronte del comfort di guida, spiccano soluzioni come il manubrio regolabile su due posizioni e le leve di freno e frizione su quattro; anche l’altezza della sella può essere personalizzata entro valori compresi tra 790 e 810 mm. L’attenzione all’ergonomia, quindi, è notevole, coerentemente con la chiara vocazione turistica della Bandit 650SA, che anche sul piano del design non delude: certo, le linee sono molto classiche, senza slanci, ma risultano ben raccordate e nel complesso piacevoli.

Turismo come vocazione, l’abbiamo detto: non poteva mancare quindi l’ABS, proposto di serie, con uno sforzo molto apprezzabile considerato il prezzo di lancio contenuto in soli 6.990 euro franco concessionario, cioè senza spese di immatricolazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kymco Agility 300i ABS: versatile e potente

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

KSR Group, un mondo a due ruote