Triumph Tiger low seat: ora è davvero per tutti

Cavalcare la tigre è ancora più semplice grazie ai due nuovi modelli XRx e XCx in versione low seat. Le selle si abbassano di ben 5o mm, ma si allargano gli orizzonti dei moderni argonauti

Prima di oggi il claim della Tiger avrebbe potuto essere “Per molti ma non per tutti…”, ma qualcosa è cambiato: Triumph ci ha pensato un po’ su, ha messo le mani qua e là e ora una delle più amate fra tre cilindri made in Hinckley è pronta a lasciar salire anche chi da bambino non è mai stato scelto dagli amici per stare sotto canestro.La gamma Adventure, quella dedicata agli amanti dei viaggi e dei larghi orizzonti, si amplia con due nuovi modelli: la Tiger XRx e XCx, in versione low seat. Le  nuove  versioni, progettate sulla base delle superaccessoriate XRx e XCx sono sensibilmente più basse e rendono la Tiger 800 accessibile a un pubblico ancora più ampio.TIGER_XCx_3_Lavorando sul profilo della sella, riprogettata ex-novo, e riducendo la corsa delle sospensioni, si è potuto abbassare l’altezza della seduta di 50mm, raggiungendo così una distanza da terra che varia da 760 a 780 mm per la XRx e da 790 a 810 mm per la XCx. Per la versione stradale XRx Low sono anche previste protezioni del radiatore modificate e un nuovo paracoppa in alluminio.Le nuove Tiger XRx Low e XCx Low saranno disponibili da ottobre presso le concessionarie della rete ufficiale Triumph, rispettivamente al prezzo di 11.600 euro e 12.600 euro.