Vespa, stabilimento in India e nuovo motore

Si parte con 150.000 pezzi all’anno, per passare già nel 2013 a 300.000. E per la Vespa dedicata al mercato italiano arriva un motore dai consumi quasi incredibili: 60 km/litro…

Inaugurato ufficialmente a Baramati (Stato del Maharashtra), il nuovo stabilimento del Gruppo Piaggio per la produzione della Vespa destinata al mercato indiano è, secondo il presidente e amministratore delegato Roberto Colaninno, un “momento di grandissima importanza per il nostro Gruppo e per il settore delle due ruote: oggi Vespa diventa a pieno titolo un veicolo globale”. La Vespa sviluppata espressamente per il mercato indiano è un’evoluzione della celebre LX: sarà commercializzata nelle 35 principali metropoli indiane con una rete distributiva di 50 concessionarie Vespa esclusive.Rispetto alla versione prodotta in Italia e commercializzata in Europa e Stati Uniti, il modello Vespa per l’Asia è stato modificato dal punto di vista ergonomico, garantisce una più facile accessibilità a motore e pneumatici (in India l’asfalto è meno curato che in Europa…) e soprattutto monta un monocilindrico 125 cc a 4 tempi e 3 valvole del tutto nuovo. L’obiettivo era di contenere i consumi, ed è stato ottenuto: 60 km/litri dichiarati! Di questo monocilindrico sentiremo parlare prestissimo anche in Europa… La Vespa è venduta a 66.600 rupie indiane (pari a circa 1.000 euro / 1.260 dollari USA al cambio attuale).Roberto Colaninno ha dichiarato: “Quello di oggi è un momento di grandissima importanza per il Gruppo Piaggio e per l’intero settore delle due ruote. Con l’ingresso sul mercato indiano, Vespa diventa a tutti gli effetti un veicolo globale e si rivolge a una nuova classe di consumatori indiani giovani, con un elevato tasso di scolarizzazione, caratterizzati da una straordinaria attenzione nei confronti di quanto accade in tutto il mondo e per questo particolarmente sensibili all’evoluzione degli stili di vita e di consumo a livello internazionale. Anche per questo, il lancio della Vespa in questo Paese dalle straordinarie potenzialità coincide con una fase del tutto nuova della strategia di globalizzazione del nostro Gruppo: quello della focalizzazione sul cliente finale di ogni grande mercato in cui il Gruppo Piaggio opera, dell’attenzione alle diverse esigenze e aspettative delle diverse aree geografiche, di un marketing di prodotto e di uno sviluppo tecnico che puntino – in ogni mercato – a realizzare prodotti allo stato dell’arte. E’ solo grazie a questo orientamento che potremo conseguire il massimo successo con i nostri brand più prestigiosi e conosciuti, e riusciremo a sviluppare nuove gamme prodotti del tutto innovative”.Lo stabilimento per la produzione della Vespa inaugurato nei giorni scorsi è il terzo impianto che il Gruppo Piaggio possiede a Baramati, dove già vengono prodotti veicoli per il trasporto merci e persone a tre ruote, oltre a motori per scooter destinati alla Vespa e propulsori Diesel e turbodiesel per le gamme di veicoli commerciali. Con l’inaugurazione del più recente dei tre impianti, il complesso industriale del Gruppo Piaggio a Baramati dà lavoro a circa 3.000 lavoratori.