Willow & NeoPop Art

L'arte può vestire il nostro quotidiano, parola di Willow e la NeoPop Art. La fantastia e i colori prendono forma sugli oggetti più disparati e il mondo dei motori ne è "fashion victim"...

13 marzo 2012 - 9:03

Willow, al secolo Filippo Bruno, è un giovane talento del design italiano. Diplomato presso la Scuola del fumetto di Milano ha successivamente collaborato con importanti case editrici specializzate in letture per ragazzi: poi ha deciso di intraprendere un viaggio alla scoperta di nuove forme d’arte.

L’ispirazione principale arriva dal mondo della Pop Art, che ha in Andy Warhol il suo creatore, una corrente artistica nata a cavallo degli anni ’50 negli Stati Uniti e che trasgredisce le tradizionali “regole” dell’arte su tela traslando le opere su qualsiasi oggetto. Willow  prende spunto da grandi nomi come Lichtenstein, Haring e Basquait, l’eccellenza di un’arte che ha la sua forza nell’impatto visivo.

L’arte Neo Pop, proposta da Willow, invade in modo trasversale non solo i luoghi d’origine dell’artista italiano – famosi i murales voluti da Smemoranda per la campagna di comunicazione 2011 – ma trova spazio anche su oggetti di uso comune come i cappelli di Borsalino, o il tram milanese realizzato in collaborazione con Motta per il Natale 2011.

Anche il mondo dei motori cede con piacere a queste suggestioni: famosa è la Fiat 600 del 1967 piuttosto che una Vespa del 1982 dipinta rigorosamente a mano e con uso sapiente di pennelli.

 

Willow ha deciso di “vestire”con il suo stile anche i nuovi occhiali dedicati all’offroad e agli sport invernali della Ariete, che ha trovato nell’idee dell’artista milanese il giusto modo di reinterpretare un oggetto dedicato alle competizioni e al tempo libero.

 

 

Ecco alcune delle gallerie internazionali che ospitano le opere di Willow:

Zimmermann-Heitmann gallery                    Dusseldorf (D)

Infantellina art gallery                                       Berlino (D)

MyPAC club house                                               Miami (USA)

Elio Ferraro Gallery/store                               Milano (I)

Interieure Design shop                                      Cologne (D)

Am Dom Gallery                                                  Frankfurt (D)

Wave Art house                                                    China

LA Gallery – Comic Art gallery                      Montreal (CDN)

OIOIOI International Art Gallery                 St. Petersburg  (RUS)

HARDWARE gallery                                            Sydney (AUS)

PAZL Green Lab                                                   Milano    (I)

UFOFabrik contemporary art gallery         Moena    (I)

Degli ZINGARI gallery                                       Roma      (I)

Spazio Libero 4                                                     Pavia       (I)

Spazio San Giorgio                                               Bologna   (I)

ArsCRITICA                                                           Roma      (I)

Amstel gallery                                                       Milano e  Londra

Per conoscere le prossime personali dell’artista vi invitamo a visitarle il sito all’indirizzo www.willow-art.it

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dunlop Trailmax Meridian, “globetrotter approved”

Ducati Monster 1200 S Black on Black

Ducati Monster 1200 S, Black on Black di nome e di fatto

Gamma Piaggio MP3, le promozioni di settembre