Terreno Zero è stato realizzato sulla base dell’esperienza e della tecnologia maturate con la gamma da ciclocross Terreno, che comprende i tre modelli Terreno Dry, Terreno Mix e Terreno Wet, ma riadattate per soddisfare al meglio le esigenze di un utilizzo Gravel.
Il nuovo Terreno Zero è infatti pensato per chi non vuole rinunciare alla sensazione di guida di una bici strada ma esige anche performance da Gravel: disegnato per digerire asfalto e terra battuta, ha un disegno del battistrada ispirato al Corsa (per garantire comfort di guida superiore e bassa resistenza al rotolamento) e abbinato a speciali squame che aumentano la scorrevolezza nel senso di rotolamento e allo stesso tempo assicurano grip in curva e in frenata.

GRAFENE, MARCHIO DI FABBRICA

Per il Terreno Zero è stata utilizzata la mescola Vittoria Grafene, in cui questo materiale rivoluzionario ha il compito di assicurare maggiore aderenza, maggiore velocità, maggiore resistenza alle forature e maggior durata.
In quanto alla carcassa, è in Nylon 120 TPI con inserti supplementari sotto il battistrada, che garantiscono una maggiore protezione contro forature e pizzicature. Sebbene aggiungano del peso alla struttura dello pneumatico, le protezioni aggiuntive assicurano robustezza, resistenza e protezione, qualità preziose in un copertone per Gravel.

I Terreno Zero sono disponibili in versione TNT (Tube/No-Tube, tubeless-ready), per cerchi da 700 (28″) in misura 37 mm e per cerchi da 650 (27,5″) in misura extra large da 47 mm per chi ama declinare la bici con ruote votate a un utilizzo più off-road. Pesano rispettivamente 490 g e 550 g e costano 48,95 euro.
Sono in consegna a partire dal 15 ottobre.