Opel Crossland, del B-SUV si può anche fare a meno. Con diversi vantaggi…

Rivista leggermente nel look, la Crossland si conferma un’auto molto furba, pratica e conveniente. E, per certi aspetti, da preferire ai SUV

Più agile del previsto

Dal punto di vista tecnico, in Opel hanno modificato la taratura di molle e ammortizzatori e la taratura dello sterzo. Il risultato è un ottimo equilibrio tra assorbimento e contenimento del rollio in curva, anche se è innegabile che la messa a punto dell’assetto sia “tedesca”, nel senso che è tende più al rigido che al massimo assorbimento. Ciò significa che la precisione in curva è superiore alle aspettative, così come l’agilità nei cambi di direzione.

prova Opel-Crossland

Sia chiaro: la Crossland è tutto tranne che un’auto sportiva – cosa che peraltro non vuole essere – ma la solidità in curva è molto rassicurante. Quanto al motore, l’esemplare provato era dotato del diesel 1.5 da 120 CV. Sì, si tratta di una scelta da ponderare molto bene, a causa della “guerra” (ingiustificata) che gli hanno scatenato contro le amministrazioni locali un po’ in tutto il mondo. Detto questo, per auto di questo genere continuo a ritenere il propulsore a gasolio la migliore opzione. Prima di tutto per la sua elasticità, che consente di “dimenticare” il cambio. E poi per la sua parsimonia: al termine del giro di prova, il computer di bordo indicava 4,4 litri per 100 km di consumo medio. Vi sfido a ottenere un risultato analogo con auto a benzina.

Le rivali sono tutte più basse
La capacità del bagagliaio a confronto
Abitabilità e design
Come va su strada
Quanto costa