Moto Guzzi V85 TT Travel, pronti, si parte

La dotazione da viaggio full optional ne fa la Guzzi perfetta per le lunghe tratte

7 novembre 2019 - 12:57

Un nome vale a volte più di mille parole: quel Travel messo dopo Moto Guzzi V85 TT è uno di quei casi. Viaggio. Viaggiare. E’ esattamente questo lo scopo attorno al quale è stata concepita questa moto. La base è ovviamente la V85 TT, sulla quale sono stati montati una serie di accessori per l’avventura.

Comfort prima di tutto

La vocazione per i lunghi tragitti si manifesta prima di tutto nel parabrezza Touring, ovvero più alto e dotato di una superficie maggiorata del 60% rispetto all’originale. Immancabile la coppia di valigie in materiale plastico con inserti in alluminio. Nel dettaglio, quella di destra, di 37 litri di capacità, può contenere un casco integrale. La sinistra, più piccola, si ferma a 27,5 litri. Entrambe sono dotate di serrature che utilizzano la chiave di contatto e sfruttano molto essenziali, che impattano poco sul look della moto. Ultimo, ma non meno importante, il loro ingombro laterale è limitato a 928 mm. Di serie sono previste anche le manopole riscaldabili, la coppia di faretti supplementari a LED e Moto Guzzi MIA, ovvero la piattaforma multimediale di connettività con lo smartphone.

Colori caldi

L’abito non fa il monaco, ma un po’ aiuta a capire lo spirito di una persona. O di una moto: non è un caso se a Mandello del Lario hanno scelto una colorazione chiamata Sabbia Namib. La carrozzeria in marrone chiaro opaco si alterna al grigio del telaio, con il serbatoio e i fianchetti caratterizzati da una grafica dedicata e i pneumatici che sono dei Michelin Anakee Adventure.

Confermata la meccanica

Essenziale, pratica, facile: così è la V85 TT secondo la descrizione di Guzzi. Doti che ovviamente vengono confermate dalla Travel, che dal punto di vista tecnico è identica. Con la sella a 83 cm da terra, un serbatoio da 23 litri (per oltre 400 km di autonomia) e la classica struttura tubolare con il motore come elemento stressato, questa moto conferma la sua attitudine al viaggio e all’enduro soft. Il motore è un 853cc a V trasversale di 90° raffreddato ad aria, con distribuzione ad aste e bilancieri a due valvole per cilindro, capace di 80 cv di potenza e 80 Nm di coppia a 5.000 giri. Ovviamente ad albero cardanico la trasmissione finale, mentre il comando del gas è ride-by-wire e il controllo di trazione e l’ABS semplificano la vita.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torna il Trofeo Derapage Vent dedicato ai giovani piloti

Horus e Flyon by Caberg

Le migliori moto 125 presentate a EICMA 2019